Le app di messaggistica come Messenger o WhatsApp e le videochiamate su Zoom affrontano regole di privacy più severe in Europa, dopo che un progetto di legge ha superato un ostacolo chiave dell'UE mercoledì. I 27 stati membri dell'UE hanno approvato una proposta che era bloccata dal 2017, con i paesi divisi tra quelli che vogliono una privacy online rigorosa e altri che vogliono dare spazio alle forze dell'ordine e agli inserzionisti. Il Portogallo, che attualmente detiene la presidenza di turno dell'UE, ha presentato una proposta di compromesso che è stata approvata da una maggioranza qualificata in una riunione a Bruxelles.