Condividere e curare il Portogallo

scritto Cristina da Costa Brookes, in Buone notizie · 12-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il tema del lutto è difficile, ma Share and Care Portugal spera di rendere meno dolorosa una situazione che spezza il cuore.

Recentemente ho parlato con una persona ispiratrice di nome Deby, che ha gentilmente condiviso la sua storia con me. Deby si era appena trasferita in Portogallo per andare in pensione con suo marito Michael, che era un ex postino. Tragicamente, ha perso suo marito l'anno scorso. Il processo è stato molto lento nell'ottenere una diagnosi della sua morte e lei crede che la gente debba essere messa al corrente di questo. Dopo aver attraversato qualcosa di così traumatico, Deby ha recentemente creato un gruppo per aiutare gli altri con il lutto.

Share and Care" è nato dal dolore e dalla determinazione di una donna ad aiutare gli altri. Il background di Deby è nello sviluppo di enti di beneficenza nel Regno Unito ed è un ex politico che ha raccolto 48.000 sterline per enti di beneficenza in Inghilterra.

Share and Care sostiene le persone e offre consigli pratici e informazioni, anche indicandoti dei buoni avvocati che parlano inglese. Vi aiuteranno dandovi informazioni sui protocolli e le procedure in Portogallo: "È un argomento emotivo, ma vogliamo aiutare gli altri nel caso in cui la morte avvenga qui in Portogallo". Al momento è un lavoro completamente volontario da parte di Deby e del suo team: "Purtroppo, le persone si trovano in questa situazione e non sanno cosa fare e ovviamente si sta ancora affrontando il dolore, quindi avere Share and Care come qualcuno su cui contare durante questo momento difficile è molto utile, anche se si vuole solo parlare, ed è per questo che abbiamo istituito un servizio di consulenza sul dolore".

Parte del suo team è una signora che è andata in pensione qui, che è una psicologa e una terapeuta cognitiva e che ha esperienza nella consulenza sul lutto. Parlare con qualcuno che capisce completamente quello che stai passando e far sentire le persone sostenute durante questo periodo è ciò che Share and Care mira a fornire: "Se avessi avuto qualcuno con cui parlare ed esprimermi durante il mio ciclo di lutto, non mi sarei sentita così sola".

Questo è accessibile a chiunque si sia stabilito qui o sia in vacanza e si sia trovato in questa situazione: "Ero fuori di me e so che è stata una perdita devastante perdere Michael, ma è stato il modo in cui le cose sono state gestite. La questione che sto cercando di far passare è che quando stai attraversando uno stress tremendo, ansia, dolore, vuoi che la palla continui a rotolare e non voglio che qualcuno passi quello che ho passato io". Spera di poter cambiare il modo in cui le cose vengono gestite qui in termini di sensibilità e comprensione. Lavorerà a stretto contatto con l'ambasciata britannica e spera di poter lavorare dalla parte del governo portoghese, perché sembra che non ci sia niente di simile in Portogallo.

Sfortunatamente, una delle ragioni per cui non ha iniziato quando Michael è morto è stata perché stava attraversando una terribile perdita e tre giorni prima di Natale si è rotto l'argine del fiume e la sua casa è stata completamente allagata e ci è voluto un anno intero per rimettere in moto le cose, ma ora è pronta a dare il 110 per cento.

Deby è attualmente in procinto di fare del Portogallo la sua casa permanente perché vuole ritirarsi in un ambiente non stressante. Spera di aiutare le persone grazie alla sua esperienza e in futuro di completare la sua autobiografia "Determined Destiny" che parla della sua vita.

Ha trasformato qualcosa di così straziante in qualcosa che si spera possa aiutare gli altri. Contattate Deby se avete bisogno di sostegno al numero +351 926 865 115 o all'indirizzo e-mail shareandcareportugal@gmail.com.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.