Il Canada annulla l'espulsione di una famiglia portoghese

scritto TPN/Lusa, in USA/Canada · 12-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Le autorità canadesi hanno annullato l'espulsione della famiglia portoghese che era prevista per questo giovedì 11 febbraio, ha detto l'avvocato della famiglia all'agenzia di stampa Lusa il 10 febbraio.

"Non sono sicura di cosa sia successo, ma siamo stati avvisati dall'Agenzia canadese di frontiera (CBSA) che hanno annullato l'ordine di deportazione", ha detto Jacqueline Swaisland.

Filipe Gonçalves, 40 anni, Eva Ferreira, 39 anni, e il loro figlio Luís Gonçalves, 15 anni - che sono in Canada dal 2012 e sono originari di Fafe (distretto di Braga) - avevano un ordine di espulsione per l'11 febbraio in seguito alla scadenza del loro visto di lavoro, nonostante diversi tentativi in diversi processi per rivalutare il loro status.

Al momento l'avvocato dice di "non avere ulteriori informazioni" sulla cancellazione della deportazione e il fatto che la CBSA non abbia "inviato una nuova data per la deportazione" è un "buon segno".

"Non ci hanno inviato nessuna data futura per l'espulsione, non sembra che saranno espulsi in un'altra data, ci hanno solo detto che è stata cancellata", ha aggiunto.

Dall'arrivo in Canada nell'agosto 2012, la famiglia dice di aver speso circa 56.000 dollari canadesi (36.400 euro) per tre diversi consulenti di immigrazione e avvocati di diverse aziende.

La famiglia portoghese è arrivata in Canada, ha richiesto due visti di lavoro nel 2012, attraverso una società di trasporto merci pesanti.

I visti di lavoro, di Filipe, per un anno, e di Eva, valido per due anni, sono stati approvati a metà novembre dello stesso anno, quando entrambi hanno iniziato a lavorare in Canada con tutta la documentazione legale.

Il problema è sorto con il rinnovo dei visti di lavoro, che non è avvenuto, e la famiglia ha dato la colpa a diversi consulenti di immigrazione che non hanno "fatto il loro lavoro".

La famiglia si è resa conto di essere senza documenti solo nel 2014, nonostante i tentativi infruttuosi di legalizzazione.

Nel marzo 2020, Ottawa ha sospeso la maggior parte delle deportazioni a causa della pandemia. All'inizio di agosto, il Canada ha deciso di deportare i casi più gravi di inammissibilità. E tutti i casi di inammissibilità a fine novembre.

È stato allora che la famiglia portoghese ha contattato l'avvocato di Toronto, che ha presentato una domanda di status umanitario compassionevole a dicembre per l'enorme sforzo che "hanno fatto per regolarizzare il loro status in Canada".

Nel frattempo, Jacqueline Swaisland ha presentato una richiesta di ritardare l'espulsione, sostenendo che la famiglia "non dovrebbe essere espulsa in questo momento", e che la CBSA dovrebbe aspettare di avere una risposta alla domanda per lo status di compassione umanitaria e perché "non è sicuro viaggiare in Portogallo perché ha uno dei più alti tassi di casi con infezioni dovute alla pandemia".

La richiesta è stata respinta dalle autorità canadesi, e l'ultima alternativa è un ricorso alla Corte Federale, che sarà presentato il 10 febbraio, un giorno prima della deportazione.

Secondo i dati del governo canadese, più di 480.000 portoghesi e discendenti di portoghesi vivono nel paese.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.