Il pianeta '4 R' di Rocha

scritto Jake Cleaver, in Renature, Notizia · 12-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Come può qualcosa di usa e getta essere fatto di qualcosa di indistruttibile?

Questa è la frase che mi è rimasta impressa dopo aver assistito a una chiamata zoom tra il ramo portoghese dell'associazione ambientalista cristiana A Rocha e la cappellania anglicana di Saint Vincent in Algarve alla fine del mese scorso.

La videochiamata ha visto la partecipazione di più di 100 persone da tutto il mondo ed è stata creata per diffondere il progetto "Plastic Free February" di A Rocha. Tenere l'evento questo mese coincide perfettamente con la tradizione cristiana di rinunciare a qualcosa per la Quaresima, e devo dire che penso che sia un'idea eccellente, in quanto non solo si sta facendo qualcosa che andrà a beneficio del pianeta, ma si può ancora mangiare cioccolato. Voglio dire, so a cosa preferirei rinunciare.

L'evento è iniziato con un video di David Attenborough, e poi Chris Wells (il guardiano della congregazione della chiesa di Saint Vincent a Praia da Luz) ha preso in mano la situazione e ha gestito i lavori. Abbiamo ascoltato diversi oratori di A Rocha, tra cui Robert Sluka, Marcial Felgueiras e Isabel Soares, coordinatrice dell'educazione ambientale di A Rocha, sul problema della plastica e su come la spazzatura sta rapidamente iniziando a invadere il nostro perfetto pianeta. Un momento particolare della serata è stato quando il reverendo Reid Hamilton ci ha fatto una serenata con una cover della canzone di Joni Mitchell 'Big Yellow Taxi', cantando "hanno asfaltato il paradiso per mettere un parcheggio", che è stato particolarmente toccante dopo tutto il discorso che avevamo avuto quella sera sul 'paradiso perduto'. Dopo di che, la parola è stata aperta alle domande e risposte.

Quella sera ho imparato alcuni fatti solenni che mi hanno fatto davvero riflettere. Per esempio, la plastica è stata inventata solo circa 100 anni fa e da allora la quantità di plastica prodotta è aumentata esponenzialmente e non mostra segni di rallentamento. Già in questo secolo è stata prodotta più plastica che nel secolo scorso. Non c'è da stupirsi. La plastica è economica, sterile e conveniente - evita che il nostro cibo si rovini, rende cose come l'impianto idraulico molto più facile e le nostre auto più leggere, oltre a un'infinità di altri utili usi - di questi tempi è praticamente in tutto. È stata una soluzione miracolosa a molti dei nostri problemi, ma ci è sfuggita di mano. Il problema è che è davvero così dannatamente durevole e non va mai veramente 'via', e anche se possiamo pensare che sia 'lontano dagli occhi, lontano dal cuore', ogni singolo pezzo di plastica mai prodotto è ancora in giro da qualche parte in una forma o nell'altra.

È come ha spiegato uno degli oratori, il reverendo Dave Bookless, che spero mi perdonerà se lo trovo divertente, in realtà ha 'un libro' intitolato 'Dio non fa rifiuti': Dio ha fatto tutte le sue creazioni 'infinitamente riciclabili', ma a differenza degli animali e delle piante che semplicemente si rompono e tornano nella terra, la plastica non si 'rompe' - semplicemente si 'rompe'.

La maggior parte del mondo è blu e inevitabilmente la maggior parte della plastica finisce nei nostri oceani, e Chris Wells ha attirato l'attenzione di tutti su uno studio che stima che entro il 2050 ci sarà più plastica nell'oceano che pesci. Che pensiero spaventoso, e inevitabilmente le due cose si aggrovigliano insieme. Questo succede spesso, e sono sicuro che tutti abbiamo visto quelle terribili foto di uccelli marini con la plastica avvolta intorno al becco. Ma non è solo questo - significa che tutti cominceranno a diventare "parte di plastica". Le balene per esempio raccolgono masse di questa roba pensando che sia krill, e come ci si può aspettare che una povera vecchia tartaruga marina sospetti che un sacchetto di plastica galleggiante non sia altro che una deliziosa medusa (eccetto forse che non ha il suo solito sapore piccante).) L'abbondanza di rifiuti rende altamente probabile che gli animali marini li ingeriscano per errore, e poiché è impossibile da digerire, rimangono nel loro stomaco per sempre, a volte senza lasciare spazio per il cibo vero e proprio e muoiono di fame.

Anche noi non possiamo sfuggire al "diventare di plastica". Come ha detto il reverendo Bookless prima, "la plastica non si rompe, si rompe", e gli oceani sono anche pieni di piccoli pezzi di quella che viene chiamata 'microplastica'. Le microplastiche sono il risultato di cose come le bottiglie d'acqua che sono costantemente esposte alla luce del sole mentre galleggiano all'infinito sulla superficie dell'oceano, la radiazione UV le fa sanguinare da questi fili di plastica quasi invisibili. Piccole cose come lo zooplancton mangiano questi piccoli pezzi di plastica, i pesci piccoli mangiano lo zooplancton e, naturalmente, i pesci grandi mangiano i pesci piccoli. Così, si fa strada nella catena alimentare e arriva anche nei nostri piatti.

Il reverendo Bookless ha chiarito che la plastica non è intrinsecamente malvagia, come la maggior parte delle tecnologie rivoluzionarie, il problema è come la usiamo. Il vero problema è la plastica monouso ed è qui che torniamo a quella battuta micidiale: "Come può qualcosa di usa e getta essere fatto di qualcosa di indistruttibile? Ecco perché A Rochasta incoraggiando le persone a prendere parte a questa sfida e tentare di liberarsi della plastica questo febbraio. Questo è ovviamente più facile a dirsi che a farsi, dato che la maggior parte delle cose nei supermercati sono avvolte nella plastica in una forma o nell'altra, e così stanno anche incoraggiando le persone a documentare i loro sforzi o con un video, o semplicemente scrivendoli e mandandoli a: portugal@arocha.org. In questo modo possono vedere le difficoltà che la gente incontra, fare brainstorming e diffondere la parola sulle possibili soluzioni.

I consigli diA Rocha per farcela durante il mese includono non solo portare le proprie borse per la spesa in generale, ma fare un passo avanti e portare le proprie borse di tela anche per le verdure e il pane. Dicono anche che si dovrebbe evitare il doppio imballaggio (cioè cose come i biscotti che sono avvolti nella plastica due volte), cercare di comprare detersivi multi-uso, e, naturalmente, comprare prodotti in vetro quando possibile.

Un documentario che ci hanno consigliato di guardare su Netflix chiamato 'ThePlastic Ocean' terminava dicendo: "Conoscere il problema è il primo passo, dalla conoscenza nasce l'attenzione e dall'attenzione nasce il cambiamento". Dopo tutto, noi umani siamo dannatamente intelligenti quando mettiamo insieme le nostre teste, quindi è fantastico che stiamo tutti parlando del problema. Può sembrare piuttosto travolgente quando si guarda la scala dell'inquinamento da plastica, e ci si chiede cosa possa fare il "piccolo vecchio me" per fare la differenza. Ma proprio mentre la chiamata allo Zoom stava per finire, una signora ci ha ricordato un'altra grande frase: "È solo una cannuccia di plastica, ha detto 8 miliardi di persone". Tutto quello che possiamo davvero fare è cambiare noi stessi, e se tutti noi facciamo la nostra piccola parte, allora chissà cosa potrebbe succedere.

Durante l'incontro si è parlato molto delle famose 3 R: 'Reduce, Re-use & Recycle', ma ce n'era anche una quarta che non avevo mai sentito prima: 'Refuse'. Ovviamente è importante cercare di fare pressione sul governo e sulle grandi aziende per smettere di produrre così tanta plastica senza senso. Ma dopo tutto, producono solo quello che pensano che 'noi' vogliamo, e se noi consumatori smettessimo di comprarla, sarebbe un buon punto di partenza.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.