Ottimismo in Algarve

scritto TPN/Lusa, in COVID-19, Algarve, Notizia · 12-02-2021 16:34:00 · 0 Commmenti

Una riduzione del numero di casi di Covid-19 in Algarve, combinata con il lancio del piano di vaccinazione nella regione, ha lasciato le organizzazioni sanitarie a sentirsi ottimiste nella regione.

Alla conferenza stampa quindicinale del Distretto di Protezione Civile, a Loulé, nel distretto di Faro, il delegato regionale alla salute ha dichiarato che la regione sta attraversando un "buon momento" con un "calo del numero di casi".

Ana Cristina Guerreiro ha anche rivelato che, nelle ultime 24 ore, ci sono stati "106 nuovi casi" e "sette morti" in Algarve.

Ci sono "185 ricoverati nella regione, 30 in unità di terapia intensiva (ICU)", di cui 12 sono ventilati, ha detto il funzionario.

Ana Cristina Guerreiro ha detto che, in Algarve, il picco di casi si è verificato il "26 gennaio", classificandolo come il "giorno peggiore" di questa terza ondata.

La delegata regionale per la salute ha anche indicato il 4 febbraio come il giorno peggiore per gli ospedali, ma ha aggiunto che "da quel momento la pressione si è attenuata, anche se lentamente".

Il funzionario era anche preoccupato per la situazione nelle case di cura, dove si registrano ancora focolai, con attualmente "561 casi in Algarve, principalmente nei residenti, ma anche in alcuni dipendenti".

Ana Cristina Guerreiro ha anche riferito di un nuovo focolaio apparso nella squadra della Polizia di Pubblica Sicurezza (PSP) che "supporta l'aeroporto" con "sei casi confermati", ma che ha portato al confinamento di altri "15 professionisti" in una squadra di circa "30 persone".

Il presidente dell'Amministrazione regionale della salute (ARS), Paulo Morgado, ha anche sottolineato che c'è una "diminuzione del numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva e infermeria" negli ospedali e che l'attuale numero di Rt nella regione è a "0,75, un valore mai raggiunto prima", ha sottolineato.

"Siamo in una fase di forte diminuzione del numero di casi che spero continui", ha detto, considerando essenziale mantenere le misure di lotta al covid-19, "riducendo così la pressione dei servizi sanitari".

Per quanto riguarda il processo di vaccinazione, il leader ha rivelato che l'Algarve ha ricevuto "11.000 vaccini", e "più di 5.000 persone sono state vaccinate", avendo iniziato la vaccinazione delle persone oltre i 50 anni con malattie associate e per coloro che hanno più di 80 anni in due parti della regione, che sarà esteso a "sette la prossima settimana".

La vaccinazione dei "600 vigili del fuoco della regione", inclusa in questa prima fase, è prevista per oggi, seguita nel fine settimana da quasi 750 militari della Guardia Nazionale Repubblicana e poi da più di 500 membri del PSP della regione, ha annunciato.

Per quanto riguarda il processo di vaccinazione, la delegata regionale per la salute ha sottolineato l'importanza di vaccinare "tutta la popolazione presente sul territorio", anche le persone che sono considerate "illegali", perché lo considera "essenziale" per non avere "un vuoto" in modo che "tutti possano essere protetti".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.