Quest'ultima eventualità è implausibile, ma c'è uno sforzo bipartisan negli Stati Uniti per renderla più probabile. Fino a poche settimane fa era opinione diffusa che un'amministrazione Biden si sarebbe mossa velocemente per riparare il danno fatto da Donald Trump ritirandosi dal trattato del 2015 in cui l'Iran prometteva di non lavorare su armi nucleari per quindici anni, ma non è detto.

Perché Trump si è ritirato in primo luogo? Puro dispetto, davvero.

Tutte le agenzie di intelligence del mondo, comprese quelle americane, erano d'accordo che l'Iran stava meticolosamente obbedendo ai termini del trattato dell'era Obama, ma Trump stava sistematicamente distruggendo ogni conquista dell'"impostore nero e straniero" che lo aveva preceduto alla Casa Bianca. Se Obama avesse concesso agli americani la vita eterna, Trump avrebbe cercato di annullarla.

L'Iran non sta nemmeno chiedendo delle scuse, anche se certamente le merita. Vuole solo che gli Stati Uniti revochino le sanzioni internazionali che erano terminate con il trattato del 2015, ma che Trump ha reimposto unilateralmente, contro la volontà di tutte le altre grandi potenze (Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania, Unione Europea e Russia), nel 2018.

Questo potrebbe essere fatto in un giorno, e non appena lo fosse, ha promesso il presidente iraniano Hassan Rouhan, l'Iran tornerebbe alla conformità in poche ore. 'Ritorno', perché per motivare tutti gli altri firmatari a premere sugli Stati Uniti per tornare al trattato, l'Iran stesso ha iniziato una lenta serie di allontanamenti dai termini del trattato a metà 2019.

L'Iran non si è precipitato nella rappresaglia. Ha aspettato un anno prima, dicendo alle potenze europee che avrebbe continuato a rispettare la lettera del trattato se avessero permesso alle banche e alle compagnie petrolifere iraniane di continuare a commerciare con loro. Gli europei non hanno osato, sapendo che Trump avrebbe punito le banche e le compagnie europee se lo avessero fatto, così l'Iran è stato lasciato con le mani nel sacco.

Quando l'Iran ha iniziato a violare i termini del trattato, lo ha fatto lentamente e con molti avvertimenti, una disposizione alla volta, lasciando che gli ispettori guardassero cosa stavano facendo ad ogni passo: prima aumentando il livello di arricchimento dell'uranio dal 3,67% concordato nel trattato al 4,5% nel novembre 2019, poi andando al 5% un anno dopo.

Tuttavia, quando l'anno scorso gli Stati Uniti e Israele hanno ripreso la loro campagna di omicidi contro gli alti funzionari militari e scientifici iraniani - il generale Qassem Soleimani a gennaio e il massimo scienziato nucleare del paese, Mohsen Fakhrizadeh, a novembre - il parlamento iraniano ha preso la mano.

L'Iran è un paese parzialmente democratico, e il parlamento è attualmente dominato dai conservatori che sono stufi della lunga pazienza del presidente Rouhani su questo tema. Tre mesi fa hanno legiferato una serie di scadenze entro le quali l'Iran dovrà violare aspetti più gravi del trattato se gli Stati Uniti non vi aderiranno.

La prima di queste scadenze, quando il governo di Rouhani sarà obbligato a bloccare le ispezioni a breve termine dell'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica, è solo a una settimana di distanza: il 21 febbraio. L'amministrazione Biden potrebbe evitarlo semplicemente dichiarando che tornerà al trattato senza condizioni, ma sembra che la stupidità di Trump stia prendendo piede.

"Gli Stati Uniti toglieranno prima le sanzioni per far tornare l'Iran al tavolo dei negoziati?", ha chiesto la CBS News a Joe Biden una settimana fa. "No", ha risposto, e il portavoce del Dipartimento di Stato USA Ned Price ha poi elaborato: "Continuiamo a sollecitare Teheran a riprendere il pieno rispetto dell'accordo [nucleare]... perché questo, per noi, aprirebbe la strada alla diplomazia".

Trump può essere andato via, ma il realismo non ha ancora trovato la sua strada per tornare a Washington. Quando gli Stati Uniti rompono un trattato senza una buona ragione e gettano decine di milioni di iraniani nella povertà, non è dovere della vittima annullare prima tutte le sue contromisure per dimostrare la sua buona fede.

Sarebbe facile coreografare una danza in cui l'Iran e gli Stati Uniti annullano questo scontro passo dopo passo all'unisono, salvando così la faccia dell'America senza mai menzionare chi lo ha causato. Ma insistere che gli iraniani si muovano per primi, come se fossero loro i colpevoli, è un non inizio: non saranno bambini di due anni, ma hanno il loro orgoglio. E non sono nemmeno del tutto adulti.

Quello che Biden non deve proprio fare è pretendere che l'Iran faccia altre concessioni oltre al trattato del 2015 prima di accettare di porre fine alle sanzioni. Quello era il gioco di Trump, e con tutto questo parlare di "aprire la strada alla diplomazia" Biden si sta avvicinando pericolosamente a questo.