Il Portogallo sale lentamente nell'indice dell'e-commerce

scritto TPN/Lusa, in Business, Economia · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Nel 2020, il Portogallo è salito di due posti, al 40° posto, nella classifica dell'e-commerce della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).

L'indice del commercio elettronico Business to Consumer (B2C) dell'organizzazione mostra che il Portogallo sta ottenendo risultati migliori rispetto al 2019, quando era al 42° posto, indicando che il 75% dei portoghesi usa internet, di cui il 51% fa acquisti online. Per quanto riguarda le percentuali della popolazione totale, il 38,3 per cento dei cittadini portoghesi utilizza il commercio elettronico, secondo l'UNCTAD.

Secondo i dati rilasciati dall'organizzazione, l'Europa "rimane la regione più preparata per il commercio elettronico", con la classifica guidata, per la prima volta, dalla Svizzera, seguita dai Paesi Bassi. Le uniche regioni non europee nella tabella UNCTAD sono Singapore e Hong Kong, rispettivamente in quarta e decima posizione.

I due più grandi mercati di commercio elettronico del mondo, la Cina e gli Stati Uniti occupano rispettivamente il 55° e il 12° posto e, secondo l'ente, anche se sono in testa nei valori, le cifre assolute del settore rimangono indietro quando si fanno confronti relativi.

Shamika N. Sirimanne, che dirige la divisione UNCTAD responsabile di questo indice annuale, ha dichiarato che "la divisione nel commercio elettronico rimane enorme". "Anche tra i paesi del G20, la percentuale di persone che comprano online va dal 3% in India all'87% nel Regno Unito", ha detto lo stesso funzionario.

"La pandemia di covid-19 ha reso più urgente garantire che i paesi in ritardo siano in grado di raggiungere gli altri e rafforzare la loro agilità in questo settore", ha detto lo stesso funzionario, aggiungendo che i risultati dell'indice mostrano che i governi devono fare di più in questo settore. "Se questo non accade, le imprese e le persone perderanno le opportunità offerte dall'economia digitale e saranno meno preparati ad affrontare le varie sfide", ha concluso Shamika N. Sirimanne.

L'indice classifica 152 nazioni nella preparazione all'e-commerce, un settore valutato a 4,4 trilioni di dollari (3.600 miliardi di euro) a livello globale, con un aumento del 7 per cento rispetto al 2019. L'UNCTAD valuta i paesi per quanto riguarda l'accesso a server Internet sicuri, l'affidabilità dei servizi postali e delle infrastrutture, così come la percentuale di popolazione che usa Internet e ha un conto presso un'istituzione finanziaria o un provider mobile che fornisce servizi finanziari.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.