Joyeux de vivre

scritto Cristina da Costa Brookes, in Arte · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Marie-Helene Piquart dipinge con il cuore, cosa che è evidente in tutte le opere di questa artista dell'Algarve.

Ho avuto il piacere di parlare con un'artista francese contagiosamente positiva e gioiosa, Marie-Helene Piquart. È stata in Algarve negli ultimi sette anni e ha fatto numerose mostre alla galleria "The Lady in Red" a Lagoa, dal 2015 al 2019. Inoltre, negli ultimi tre anni ha esposto i suoi lavori alla galleria "Lago Art" di Almancil. Parlare con lei è stato molto edificante, che si riflette meravigliosamente nel suo lavoro artistico, che vi invito a controllare.

È nata in Francia, nella città di Orléans, e dice di aver "sempre dipinto e disegnato fin dall'infanzia e ho fatto alcuni anni di belle arti a Parigi, dove ho fatto creazione di tessuti, set cinematografici e festival e poi sono tornata alla pittura". Si è trasferita in Algarve dalla Francia con il suo compagno a causa del sole, per poter vivere in campagna, poiché ama la natura.

Le ho chiesto se ci sono momenti in cui trova più difficile dipingere, anche dopo averlo fatto per molti anni e mi ha detto che "non è sempre in grado di concentrarsi e ne ho bisogno per poter creare il mio lavoro migliore". Mi ha detto che è anche appassionata della natura e ha il suo giardino da curare. Fa musica con il suo compagno e lavora ai suoi quadri solo quando è nel giusto stato d'animo. Le ho chiesto cosa direbbe agli aspiranti artisti che desiderano fare carriera e mi ha risposto: "la prima cosa è lavorare con il cuore e fare solo ciò che ti dà felicità, questa è la guida migliore. Se segui con la testa non puoi andare molto lontano, e questo non vale solo per l'arte".

Abbiamo parlato della sua arte e mi ha detto che "cerca sempre di mantenerla semplice, perché quando un quadro diventa complicato, non c'è più respiro, e non è più l'anima che si esprime ma l'ego". Dipinge ciò che la rende felice perché crede che sia un "trasferimento di energia".

Per alcuni anni ha fatto pittura figurativa, poi è passata all'astratto per essere ancora più libera. Ha scoperto il monotipo più di 20 anni fa ed è una tecnica che la affascina, l'effetto materiale assomiglia ai ritmi della natura. Una delle sue tecniche è che fa stampe, monotipi su carta velina o di seta e li stratifica sulla sua tela e a volte interviene con un pennello o un pastello secco, finendo con la vernice. Le ho chiesto cosa la ispira e mi ha risposto che si ispira alla natura, ai pianeti e alle cellule ma anche alla magia. Inoltre, i vecchi pittori le hanno insegnato molto, come Mirò, Matisse, Kandinsky, Alechinsky, Nicky de Saint Phalle, Calder, Bram Van Velde e Twombly, Basquiat. Allo stesso modo, anche l'arte giapponese l'ha ispirata attraverso il loro approccio. Ha avuto alcune lezioni di calligrafia che hanno avuto una grande influenza sul suo lavoro.

Abbiamo continuato a parlare della pandemia e di come ha influito su di lei come artista. La cosa più importante è che la pandemia non l'ha scoraggiata dal dipingere a casa, ma ha scoperto che ha avuto il suo peso in termini di vendita ed esposizione dei suoi dipinti. Attualmente sta lavorando a un progetto e, pandemia permettendo, nella seconda metà di aprile esporrà i suoi lavori all'Armazém Regimental de Lagos. I suoi dipinti condividono le parti migliori di se stessa e lei desidera condividere questa luce con gli altri.

Se siete interessati a vedere i suoi bellissimi dipinti strutturati, visitate il suo sito web mariehelenepiquart.com o per fare richieste inviatele un'email a mariehpiquart@gmail.com.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.