Oliveira "ha quello che serve per essere campione"

scritto TPN/Lusa, in Sport, Motorsport · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

motociclista portoghese Miguel Oliveira (KTM) ha detto che crede di "avere quello che serve per essere il campione" di MotoGP.

In una conferenza stampa virtuale, il pilota 26enne ha detto che è "più fiducioso" quest'anno per il campionato che inizia il 28 marzo in Qatar, ed è convinto che lotterà per il titolo.

"L'anno scorso stavo tornando da un infortunio alla spalla, con un lento processo di recupero e mentalmente non è la stessa cosa. Mi ha dato più forza ma anche più insicurezza, perché dovevo dimostrare che potevo ancora correre, competere ed essere ad un buon livello. Quest'anno è diverso, arrivo in buona forma e con fiducia", ha detto Oliveira.

Il pilota portoghese, che sta entrando nella sua terza stagione nella classe regina del Campionato del mondo di velocità, ha rivelato che "l'approccio" per questo campionato "è un approccio noto per coloro che entrano in una disputa di titoli", lavorando "gara per gara", cercando di "raccogliere più punti possibili", dato che questa sarà "una stagione sconosciuta, dove non si sa se il calendario verrà rispettato in pieno o meno".

"L'anno scorso il campionato era molto stretto. In una stagione dove non c'è un leader chiaro, da qualcuno che si isola, dà l'idea agli altri piloti che possono lottare per il campionato. Io credo in me stesso e che ho quello che serve per lottare per il campionato. Ho bisogno della coerenza di un campione. Questo è ciò che serve per essere campione", ha detto Miguel Oliveira, che è già stato secondo in Moto3 e anche in Moto2.

Per raggiungere l'obiettivo, sa che ha bisogno di "migliorare in qualifica".

"Essere più avanti sulla griglia mi dà più opportunità in gara e questo è ciò che conta, per aggiungere più punti. Come punto di partenza, l'ideale sarebbe migliorare in qualifica", ha spiegato.

Il pilota portoghese crede che nel 2021 ci saranno diversi piloti che vinceranno le gare, dopo che nel 2020 ci sono stati nove diversi piloti sul podio.

"Tutto sarà molto aperto come l'anno scorso. Lo [spagnolo] Joan [Mir] è stato il più costante e quindi è stato il campione, con molti meriti. Sarà uno dei miei rivali più forti, ma non mi piace lasciare fuori nessuno. Ci sono molti piloti forti che possono lottare per le vittorie. Ma lottare per il campionato sarà diverso", ha sottolineato.

Miguel Oliveira ha concluso l'edizione 2020 del Campionato del Mondo MotoGP in nona posizione, con 125 punti e due vittorie, una in più del campione, lo spagnolo Joan Mir (Suzuki).

Nel 2021, il pilota portoghese compirà la sua terza stagione nella classe regina del Campionato del Mondo di velocità, in cui ha debuttato nel 2011 nella classe 125cc.

Da allora ha ottenuto 14 vittorie, sei nella categoria Moto3, sei nella Moto2 e due nella MotoGP.

Nella stagione che inizia il 28 marzo sul circuito di Losail in Qatar, ci sono 19 gare confermate, compreso il GP del Portogallo, che si terrà nuovamente a Portimão il 18 aprile.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.