Il tribunale riconosce alla donna 61.000 euro per il lavoro domestico

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Crimine · 25-02-2021 18:41:00 · 0 Commmenti

La Corte Suprema di Giustizia del Portogallo ha ordinato a un uomo di risarcire la sua ex compagna per i lavori domestici che lei faceva durante la loro relazione.

Il STJ ritiene che il lavoro domestico della donna sia stato considerato vantaggioso per il partner che non ha partecipato ai lavori domestici.

La donna ha chiesto almeno 240.000 euro, ma in prima istanza il tribunale di Barcelos ha ritenuto che non ci fosse posto per il pagamento di alcuna somma per il lavoro domestico della donna.

"Poiché il lavoro trascorso in casa non è legalmente richiesto nel contesto dell'unione di fatto, la sua prestazione come contributo all'economia comune si configura come un adempimento spontaneo di un obbligo naturale", ha detto quel tribunale.

La donna si è quindi appellata alla Relação, che le ha dato ragione, fissando il risarcimento a 60.782 euro.

Il STJ afferma che, in situazioni di evidente squilibrio, "non è possibile considerare che la prestazione di lavoro domestico e la cura, la sorveglianza e l'educazione dei figli corrispondano, rispettivamente, a un obbligo naturale e all'adempimento di un dovere".

"L'esigenza di uguaglianza è inerente all'idea di giustizia da molto tempo, quindi non è possibile considerare che tutto o gran parte del lavoro domestico in una casa, dove vive una coppia sposata dei membri dell'unione di fatto, corrisponde all'adempimento di un obbligo naturale, fondato su un dovere di giustizia", descrive la sentenza.

"Al contrario, questo dovere esige una divisione dei compiti che sia il più egualitaria possibile, senza pregiudicare la possibilità che i membri di quella relazione si accordino liberamente affinché uno di loro non contribuisca alla prestazione del lavoro domestico".

La STJ sottolinea che "il lavoro domestico, anche se rimane stranamente invisibile per molti, ha ovviamente un valore economico e si traduce in un arricchimento risparmiando spese".

In questo caso, è stato provato che durante i quasi 30 anni in cui l'uomo e la donna hanno vissuto insieme, è stata lei a prendersi cura della casa e a preparare i pasti del partner.

Per questo motivo, il STJ dice che l'opzione di pesare questa realtà nella contabilità dei contributi della donna nell'acquisizione della proprietà del partner è corretta.

Per la STJ, anche il lavoro speso per l'educazione e la sorveglianza dei figli è contabilizzabile, a condizione che sia svolto esclusivamente o essenzialmente da uno dei membri della coppia.

Per determinare il valore del lavoro domestico, il tribunale ha adottato come criterio il salario minimo nazionale, moltiplicato per 12 mesi, durante gli anni di convivenza.

In totale, ha tolto un terzo, considerando la necessità di destinare una parte di questo importo alle spese della donna.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.