Golden Globes criticati per la mancanza di diversità

scritto TPN/Lusa, in Stile di vita, USA/Canada · 01-03-2021 13:00:00 · 0 Commmenti

La 78esima edizione annuale dei Golden Globes, i premi cinematografici e televisivi della Hollywood Foreign Press Association (HFPA), è stata segnata da critiche sulla mancanza di diversità nelle nomination.

Con le celebrità a casa a causa della pandemia di covid-19, la cerimonia si è svolta virtualmente tra Los Angeles e New York, e i presentatori non hanno ignorato le polemiche. "C'è un sacco di spazzatura appariscente che viene nominata", ha detto la comica Amy Poehler, che di nuovo ha fatto coppia con Tina Fey alla presentazione della cerimonia."Tutti sono comprensibilmente sconvolti dalla HFPA e dalle sue scelte", ha detto Poehler, riferendosi alle critiche rivolte alla Foreign Press Association di Hollywood, responsabile dei Golden Globes, per aver ignorato opere rilevanti scritte nell'ultimo anno, fatte o realizzate da afroamericani."Sappiamo tutti che le cerimonie di premiazione sono stupide", ha aggiunto Tina Fey. "Il punto è che, anche con le cose stupide, l'inclusione è importante e non ci sono neri tra i membri dell'Associazione della critica estera di Hollywood", ha detto, esortando l'organizzazione a fare dei cambiamenti.

Le critiche alla HFPA includono la mancanza di nomination per le serie della HBO "I may destroy you" e "Insecure" e per "5 Bloods" di Spike Lee. Altri film considerati potenziali candidati all'Oscar, come "Ma Rainey: The mother of the blues", di George C. Wolfe, "One Nightin Miami" e "Judas andthe Black Messiah", erano assenti dalle categorie più ambite, come il miglior film. I maggiori premi della notte sono stati per "Nomadland - Sopravvivere in America", con la regista Chloé Zhao che è diventata la prima donna di origine asiatica ad ottenere il Golden Globe per la miglior regia, in un film che era considerato anche il miglior film drammatico. "Borat 2" havinto il miglior film nella categoria commedia o musical e Sacha Baron Cohen ha vinto il Golden Globe come miglior attore in una commedia o musical. I vincitori afroamericani all'evento: Andra Day, miglior attrice in un film drammatico per"Gli Stati Uniti contro Billie Holiday", Daniel Kaluuya, miglior attore non protagonista in un film per"Judas and the Black Messiah", John Boyega, miglior attore secondario in televisione per "SmallAx", e Chadwick Boseman, morto nel 2020, che ha vinto un premio postumo come miglior attore in un film drammatico per il film "Ma Rainey: The mother of the blues".

La HFPA, che nelle ultime settimane è stata oggetto di polemiche, a seguito di un'inchiesta del LA Times, mettendo in discussione la rilevanza e la credibilità dell'associazione e rivelando che ci sono membri dell'associazione che ricevono stipendi elevati, si è impegnata durante la cerimonia a migliorare la diversità tra i suoi membri.Questo messaggio è stato esteso da Jane Fonda, che ha ricevuto il premio alla carriera Cecil B. deMille e ha sottolineato nel suo discorso di ringraziamento l'importanza della diversità delle storie raccontate da Hollywood: "C'è una storia che abbiamo avuto paura di vedere e sentire su di noi in questa industria. Una storia su quali voci rispettiamo e innalziamo e quali spegniamo", ha detto l'attrice. "Faremo tutti uno sforzo per espandere la 'tenda', in modo che tutti siano elevati e le loro storie abbiano l'opportunità di essere viste e ascoltate", ha fatto appello, dicendo che l'arte non solo va di pari passo con la storia ma ha anche condotto. Il discorso di Fonda è stato uno dei pochi con messaggi politici, in un evento in cui i vincitori si sono concentrati su sorrisi, lacrime e ringraziamenti profusi.

Per quanto riguarda la televisione, si sono distinte la serie Netflix "TheQueen's Gambit", che ha vinto il premio per la migliore miniserie e ha dato ad Anya Taylor-Joy il premio per la migliore attrice; e "The Crown",vincitrice di quattro Golden Globes, tra cui quello per la migliore serie drammatica. La serie sulla vita della famiglia reale britannica ha vinto anche il premio come miglior attrice in una serie drammatica (Emma Corrin), miglior attrice non protagonista in una serie drammatica (Gillian Anderson) e miglior attore in una serie drammatica (Josh O'Connor). Jodie Foster ha vinto nella categoria di miglior attrice secondaria, per il film"The Mauritanian", e Rosamund Pike ha preso la statuetta di miglior attrice in una commedia o musical per "I Care a Lot". Aaron Sorkin ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura con "I 7di Chicago", mentre "Soul" della Pixarha vinto il premio per il miglior lungometraggio animato. La migliore serie comica è stata"Schitt's Creek", che ha anche dato a Catherine O'Hara il premio per la migliore attrice in una serie comica o musicale. "Ted Lasso" ha dato alla Apple una vittoria, con il Miglior Attore in una serie commedia o musicale per Jason Sudeikis, e "I know this much is true" ha incoronato Mark Ruffalo come Miglior Attore in una miniserie.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.