Il rischio di povertà colpisce il 17,2% dei portoghesi

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 03-03-2021 14:21:00 · 0 Commmenti

Più di 12 per cento della popolazione portoghese nel 2019 era in uno stato di povertà e 17,2 per cento erano a rischio di povertà, una percentuale che aumenta a più di 43 per cento senza sostegno sociale da parte dello Stato, secondo uno studio pubblicato oggi

I dati sono contenuti nel rapporto "Portogallo, bilancio sociale 2020 - Un ritratto del paese e gli effetti della pandemia", della Facoltà di Economia della Universidade Nova de Lisboa, NOVA SBE.

Il rapporto è stato prodotto dall'economista e professoressa dell'istituzione, Susana Peralta, in coautorato con Bruno P. Carvalho e Mariana Esteves.

Nella prima parte, fornisce un ritratto statistico della situazione socio-economica delle famiglie, concentrandosi sul periodo tra il 2016 e il 2019, ma soprattutto sugli anni 2018 e 2019.

Le statistiche si basano sui dati dell'Indagine sulle condizioni di vita e di reddito, fatta in Portogallo ogni anno dall'Istituto Nazionale di Statistica (INE)

Il rapporto indica una tendenza alla diminuzione del tasso di rischio di povertà nel paese nell'ultimo decennio, ma la percentuale era ancora del 17,2% nel 2019, sopra la media dell'Unione Europea, ma sarebbe molto più alta senza il sostegno statale.

"I trasferimenti sociali sono strumenti importanti per ridurre la povertà: nel 2019, la percentuale di persone in povertà, prima dei trasferimenti sociali, era del 43,4%", sottolinea il rapporto.

Parlando all'agenzia di stampa Lusa, Susana Peralta ha sottolineato il legame tra povertà e bassi salari, che è la realtà in Portogallo, così come la relazione con il mercato del lavoro.

Secondo il rapporto "i disoccupati sono il gruppo con il più alto tasso di povertà nel 2019 (42%)" e "anche lavorare a tempo pieno non è una garanzia per uscire dalla povertà - il 46% della popolazione povera vive in famiglie in cui gli adulti lavorano più dell'85% del tempo, cioè praticamente a tempo pieno", aggiungendo che oltre ai disoccupati, la povertà è anche più diffusa tra le famiglie monoparentali e gli individui con livelli di istruzione inferiori".

"Il Portogallo, essendo un paese con bassi salari e un livello di precarietà del mercato del lavoro tra i più alti dell'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), significa che le persone hanno relazioni con il mercato del lavoro che non le proteggono dalla povertà", ha detto Susana Peralta.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.