Un anno di Covid-19 in Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 05-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il presidente Marcelo Rebelo de Sousa ha elogiato il Servizio Sanitario Nazionale (SNS) insieme ai settori sociale e privato per la loro gestione della pandemia, un anno dall'inizio della situazione nel paese.

Il 2 marzo, a un anno dal primo caso di Covid-9 rilevato in Portogallo, il presidente della Repubblica ha dichiarato che il SNS e i settori sociale e privato si sono organizzati in modo "meritorio" in risposta al Covid-19, ma ha aggiunto che spera che la pianificazione per il futuro sia migliorata.

Marcelo Rebelo de Sousa ha fatto la sua dichiarazione attraverso una nota pubblicata sul sito web della Presidenza della Repubblica, in cui ha notato il passaggio di "un anno dal primo caso di Covid-19 in Portogallo".

"L'importanza primaria del Servizio Sanitario Nazionale (SNS) e dei suoi professionisti dedicati, il lavoro del settore sociale e privato, è diventato chiaro ai cittadini e alla società, il modo meritorio in cui si sono organizzati in risposta alla pandemia ha reso chiaro che questo è uno dei più grandi beni che il paese ha", si legge nel messaggio.

Secondo il capo dello Stato, in questi dodici mesi, "globalmente, il paese si è adattato alla pandemia, a volte in modo più proattivo e, purtroppo in altri casi, più reattivo".

"È auspicabile che, più che imparare da ciò che è andato bene, abbiamo tutti la capacità di imparare da ciò che è andato meno bene. Dobbiamo migliorare la capacità di pianificare e anticipare gli scenari e le risposte, di reagire più rapidamente e di adattarsi maggiormente alle circostanze, questi sono esempi di aree che dovrebbero essere al centro dell'attenzione attuale e futura di tutti noi", ha dichiarato.

Marcelo Rebelo de Sousa ha concluso con "una particolare parola di apprezzamento per il lavoro e l'impegno sviluppato dai professionisti della salute" e ha salutato il popolo portoghese in generale per il modo in cui "si è organizzato e impegnato nella risposta a questa pandemia". Per quanto riguarda il futuro, avverte che "ci sono ancora molte incertezze su quale sarà l'evoluzione di questa pandemia" e che la lotta contro la diffusione del nuovo coronavirus "può ancora affrontare altre sfide, come l'emergere di nuovi ceppi".

D'altra parte, ha avvertito gli effetti della "stanchezza nell'adottare le varie misure, che continuano ad essere essenziali, in particolare nell'uso delle maschere e nella distanza sociale".

Il capo dello Stato ha anche sottolineato che la "vaccinazione di massa", necessaria per porre fine alla pandemia, è attualmente "ostacolata dalla carenza di consegna del vaccino da parte dei produttori".

"Questa è anche l'occasione per riaffermare il nostro impegno nella lotta contro la pandemia, pur rimanendo altrettanto fedeli alla necessità di riprendere altre attività nel settore della salute, dell'educazione e dell'economia in generale", ha detto. I

È stato il 2 marzo che sono stati confermati i primi due casi di infezione con il nuovo coronavirus nel territorio nazionale. Il virus che causa il Covid-19 è stato rilevato inizialmente nel dicembre 2019 a Wuhan, una città della Cina centrale.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.