L'Algarve e l'Alentejo soffrono per la mancanza di internet

scritto TPN/Lusa, in Algarve, Centrale, Tech · 05-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

L'Algarve e l'Alentejo hanno una copertura inferiore alla media delle reti fisse di comunicazione ad alta velocità.

Secondo le informazioni statistiche del terzo trimestre del 2020 dell'Autoridade Nacional de Comunicações (Anacom), l'aumento del lavoro a distanza e dell'apprendimento a distanza, derivante dalle misure per combattere la diffusione della pandemia Covid-19, ha evidenziato la copertura di Internet nel paese, con diverse aree del paese che segnalano difficoltà di accesso.

Secondo le informazioni statistiche sulle reti ad alta velocità e servizi in postazione fissa (accesso in fibra o cavo), per il terzo trimestre dello scorso anno, l'Alentejo, con il 71,2 per cento, e l'Algarve (71,6 per cento), sono le regioni con copertura inferiore alla media del paese (87 per cento).

Al contrario, l'area metropolitana di Lisbona e la regione autonoma delle Azzorre hanno avuto, nello stesso periodo, una copertura di questo tipo di rete che ha superato il 99%.

Seguono le regioni del Nord (85,8%), del Centro (83,9%) e di Madeira (82,7%).

Le reti ad alta velocità sono quelle che permettono velocità di download superiori a 30 Mbps, consentendo una maggiore velocità di internet.

Alla fine del trimestre in esame, "circa il 72% delle famiglie aveva abbonamenti a servizi ad alta velocità in postazione fissa", con le regioni di Lisbona (89,2%), Azzorre (80,4%) e Madeira (80,2%) che registrano "installazioni superiori alla media".

Seguono le regioni del Nord e dell'Algarve (entrambe con il 68,7% di installazioni di questi servizi), seguite dal Centro (60,5%) e dall'Alentejo (51%).

Contattato da Lusa, un funzionario di Anacom ha dichiarato che l'ente "ha agito per porre rimedio alle difficoltà esistenti" nell'accesso a internet.

"In considerazione dell'esistenza di diverse parrocchie che tendono a non avere la copertura della banda larga mobile, Anacom ha stabilito obblighi di copertura per gli operatori che hanno acquisito i diritti di utilizzo delle frequenze in 800 MHz, nell'ambito del 'regolamento dell'asta multi gamma' nel 2011, sia nell'ambito del rinnovo dei diritti di utilizzo delle frequenze (DUF) assegnati nella banda 2.100 MHz (Meo, NOS e Vodafone)".

In totale, "questi obblighi di copertura hanno riguardato 1.068 parrocchie tendenzialmente prive di banda larga mobile (480 parrocchie sono state identificate nel contesto del suddetto regolamento e 588 parrocchie nell'ambito del rinnovo dei diritti di frequenza)", ha spiegato la stessa fonte.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.