Il Brasile smantella un gruppo specializzato nel traffico internazionale di droga in Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Crimine, Notizia, Americhe · 05-03-2021 15:59:00 · 0 Commmenti

La polizia federale brasiliana (PF) ha arrestato, il 4 marzo, un'organizzazione criminale stabilita nello stato di Bahia, specializzata nel traffico internazionale di droga verso l'Europa e la cui destinazione era soprattutto Lisbona.

Più di 50 agenti della polizia federale hanno notificato cinque mandati d'arresto - due preventivi e tre temporanei - e 14 mandati di perquisizione e sequestro emessi dal secondo tribunale federale della sezione giudiziaria di Salvador.

Si tratta dell'operazione Ikaro II, la seconda fase dell'operazione Ikaro, scatenata nelle città di Salvador, Lauro de Freitas e Porto Seguro, a Bahia, e a Ponta Porã, nello stato del Mato Grosso do Sul, al confine con il Paraguay.

Secondo la polizia federale, il modus operandi del gruppo era quello di cooptare i "muli" [il nome dato alle persone usate dai narcotrafficanti per trasportare la droga] per trasportarla sui voli commerciali verso l'Europa, di solito nascondendo la droga nei loro bagagli.

A questo proposito, tra gennaio e febbraio dello scorso anno, le autorità brasiliane hanno effettuato sette arresti flagranti negli aeroporti internazionali Luís Eduardo Magalhães, a Salvador, e Galeão, a Rio de Janeiro.

"Nella maggior parte dei casi, si trattava di coppie che cercavano di trasportare cocaina a Lisbona, in Portogallo, nascosta nelle loro valigie", ha spiegato la PF in un comunicato.

"La somiglianza delle modalità di azione e delle circostanze ha portato all'identificazione del coinvolgimento della stessa organizzazione criminale in tutti i casi, i cui membri sono presi di mira dalle misure giudiziarie notificate in questa data", ha aggiunto la polizia.

Secondo le autorità, gli indagati saranno incriminati per i reati di organizzazione criminale e traffico internazionale di droga.

Il tribunale federale brasiliano ha anche ordinato il blocco dei fondi depositati in conti bancari a nome di 11 persone sotto inchiesta.

Nonostante non abbia una produzione propria di cocaina, il Brasile è uno dei principali punti di passaggio della droga da altri paesi dell'America Latina verso l'Europa, e il Portogallo è diventato una delle porte di spedizione della droga verso il continente europeo.

Il 2 marzo, il ministro degli Esteri brasiliano ha detto a Lusa che la priorità del suo paese è aumentare la cooperazione con l'Europa contro il traffico di droga, ma ha negato che il paese sia il problema sulle rotte verso il continente europeo.

Interrogato sul recente sequestro, a Bahia, di oltre 500 chilogrammi di cocaina nella fusoliera di un jet privato diretto in Portogallo, nella cui lista dei passeggeri figurava João Loureiro, ex presidente del Boavista, il ministro Ernesto Araújo ha sottolineato che anche la Comunità dei Paesi di lingua portoghese (CPLP) dovrebbe fare un maggiore sforzo comune nella lotta al crimine organizzato.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.