Le scuole sono una priorità per la riapertura

scritto TPN/Lusa, in Scuola, COVID-19, Notizia · 05-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

La riapertura delle scuole sarà discussa l'11 marzo, quando sarà presentata la possibilità che gli insegnanti e il personale non docente ricevano vaccini prioritari.

Il ministro della Salute, Marta Temido, ha dichiarato che gli insegnanti e il personale non docente potrebbero potenzialmente essere inclusi come priorità per una vaccinazione contro il Covid-19, considerando che le scuole sono un "servizio essenziale" nel paese.

"Quando parliamo di servizi essenziali - e le scuole sono in qualche modo, in un approccio sociale, un servizio essenziale - può avere senso che gli adulti che lavorano in questi luoghi abbiano una vaccinazione differenziata", ha detto Marta Temido in un'intervista a Jornal da Noite su SIC.

"Quando ci guardiamo intorno e vediamo quali sono i processi di allentamento delle chiusure in altri paesi, vediamo la presenza molto intensa di due realtà: la vaccinazione e il test", ha sottolineato Marta Temido, aggiungendo che il parere degli esperti "è abbastanza completo in relazione alle varie opzioni che possono essere prese".

"Questa è una delle difficoltà che abbiamo avuto anche nella comunicazione: il fatto che c'è una varietà di opinioni sullo stesso argomento, che rende il processo decisionale molto difficile", ha ammesso il ministro.

Temido ha continuato affermando che "è naturale" che il processo di allentamento della serrata, che sarà presentato pubblicamente dal governo l'11 marzo, "inizierà con i primi anni delle scuole", ma ha sottolineato che questa è ancora "un'ipotesi".

"In questo momento, consideriamo che, così come le scuole erano gli spazi che abbiamo cercato di mantenere aperti il più a lungo possibile, dobbiamo anche cercare di proteggere questi stabilimenti perché sono essenziali in termini di istruzione e il loro effetto sul futuro della popolazione. Le scuole saranno la nostra principale preoccupazione non appena potremo iniziare a riaprire il paese", ha detto.

Recentemente, la Federazione Nazionale degli Insegnanti (Fenprof) ha difeso lo screening e i test diagnostici nelle scuole, compresi i contatti a basso rischio, e la vaccinazione degli insegnanti anche prima della ripresa delle attività faccia a faccia, dando la priorità a coloro che stanno attualmente svolgendo l'insegnamento faccia a faccia.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.