Ricercatori di Porto che generano energia dalle onde

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Nord, Rinnovabile · 06-03-2021 08:01:00 · 0 Commmenti

I ricercatori della Facoltà di Scienze dell'Università di Porto (FCUP) hanno sviluppato tre dispositivi che, dal movimento delle onde, possono generare elettricità e l'obiettivo è ora di installarli nelle boe oceaniche.

In un comunicato, FCUP spiega che lo studio, pubblicato sulla rivista Nano Energy e sviluppato dai ricercatori dell'Istituto di Fisica dei Materiali Avanzati, Nanotecnologia e Fotonica, aveva la missione di "generare energia dal movimento delle onde".

Nell'ambito di questo studio, i ricercatori hanno sviluppato tre nanogeneratori che possono generare elettricità attraverso il movimento delle onde.

I nanogeneratori utilizzano due materiali triboelettrici con polarità diverse per generare questo tipo di energia.

L'obiettivo ora è quello di installare questi dispositivi su boe oceaniche al fine di "aumentare il tempo di permanenza in mare senza intervento umano", assicura l'istituzione.

citato nella dichiarazione, João Ventura, uno degli autori del lavoro, spiega che i dispositivi "utilizzano una combinazione di effetto triboelettrico - un effetto simile alle scosse elettrostatiche - e induzione elettrostatica per generare elettricità dal movimento delle onde.

Nei test di laboratorio, i ricercatori hanno posizionato i dispositivi all'interno di una boa, simulando condizioni di mareggiata simili a quelle che si trovano nell'oceano.

"Per sfruttare il movimento multidirezionale delle onde, abbiamo usato delle sfere all'interno della boa che massimizzano l'effetto triboelettrico e la generazione di energia elettrica per qualsiasi tipo di movimento", chiarisce il ricercatore, aggiungendo che sono stati testati e ottimizzati diversi modi in cui questo movimento può generare energia elettrica.

Secondo i ricercatori, "non è fattibile alimentare" le boe oceaniche utilizzando approcci convenzionali come batterie o pannelli solari, sostenendo che è possibile utilizzare l'energia degli oceani, una "fonte pulita e rinnovabile con un enorme potenziale di sfruttamento".

"Lo studio ha dimostrato una chiara dipendenza della produzione di energia di questi nanogeneratori dai periodi e dalle altezze delle onde, così come dalla risposta idrodinamica della boa, tenendo conto dei suoi movimenti lineari e rotazionali", aggiungono.

L'obiettivo del team è ora quello di effettuare test nell'oceano e valutare la possibilità di "scalare la tecnologia per generare abbastanza energia per essere competitivi, utilizzando il moto ondoso, con altre tecnologie di generazione di energia".

Questo studio, parte del progetto i.nano.WEC, che è finanziato dal Blue Fund, ha avuto la collaborazione di ricercatori della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Porto (FEUP) e l'Istituto di scienza e innovazione in ingegneria meccanica e industriale (INEGI).



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.