Mettere in quarantena il Brasile ora

scritto Gwynne Dyer, in Parere, Notizia · 08-03-2021 15:00:00 · 0 Commmenti

Se fossi un dittatore mondiale, metterei immediatamente il Brasile in quarantena totale: nessuno entra, nessuno esce. E lo terrei isolato fino a quando (a) arrestano e imprigionano il presidente Jair Bolsonaro; (b) impongono una stretta chiusura in tutto il paese per almeno due mesi; e (c) vaccinano tutti nel paese (tutti i 213.584.556). E poi vedremo.

Dovrebbero prima rinchiudere Bolsonaro perché si rifiuta categoricamente di fare qualsiasi tipo di chiusura. Considera anche i vaccini come femminucce e non appoggerà un programma nazionale per vaccinare la popolazione. Alcuni governatori statali stanno cercando di comprare i vaccini per le loro popolazioni locali, ma lui li rimprovera pubblicamente come codardi per preoccuparsi di "una piccola influenza".

Bolsonaro è Donald Trump sui trampoli, ed è in gran parte responsabile del tasso di mortalità Covid-19 alle stelle del Brasile: più di un quarto di milione di morti. Gli Stati Uniti sono ancora in testa con mezzo milione di morti - 1.600 per milione rispetto ai 1.250 per milione del Brasile - ma il tasso di mortalità del Covid negli Stati Uniti sta scendendo velocemente da quando il presidente Biden ha preso il comando, mentre quello del Brasile sta ancora salendo a razzo.

Poiché il tasso di infezione del Brasile è così alto, è un ideale pentola a pressione per nuove e talvolta più pericolose versioni del coronavirus. Ha già due "varianti" di preoccupazione. La più recente e più preoccupante, P.1, è emersa probabilmente a Manaus, ed è ora dilagante in tutta l'Amazzonia brasiliana.

P.1 sta anche iniziando a muoversi nel resto del mondo. Sei casi sono scesi dallo stesso aereo dal Brasile a Londra di recente, causando uno spavento a livello nazionale finché non sono stati tutti rintracciati. Ciò che lo rende così spaventoso è che si diffonde due volte più velocemente delle precedenti versioni di Covid - e sembra capace di reinfettare le persone che hanno già avuto Covid una volta.

Se può farlo, probabilmente può anche aggirare l'immunità conferita dai vaccini esistenti. Non ci sono ancora prove di "diffusione comunitaria" del P.1 in altri paesi - cioè, di infezioni che passano tra persone locali che non hanno viaggiato all'estero - ma è solo una questione di tempo, a meno che la gente non smetta di viaggiare da e verso il Brasile.

E cosa dice Jair Bolsonaro? Quando giovedì scorso il Brasile ha registrato il più alto numero di morti di Covid, ha detto: "Smettetela di piagnucolare. Per quanto tempo avete intenzione di continuare a piangere? Per quanto tempo ancora resterete a casa e chiuderete tutto? Nessuno può più sopportarlo. Ci dispiace per le morti, ma abbiamo bisogno di una soluzione".

E la sua 'soluzione' è di essere uomo, accettare mezzo milione o anche un milione di morti - e

imporre questa soluzione anche a tutti gli altri nel mondo, perché non ha certo intenzione di chiudere i viaggi all'estero.

Non si può ragionare con Bolsonaro, e non ci si può davvero aspettare che i brasiliani lo rimuovano. Come la sana maggioranza americana sotto Trump, preferiscono sopportare gli errori e i crimini del pazzo fino alla fine del suo mandato piuttosto che usare la forza contro di lui e distruggere la costituzione. Ma se il P.1 si diffonde, questo potrebbe significare che tutti gli altri nel mondo hanno l'isolamento fino alla fine dell'anno almeno.

Nessuno invaderà il Brasile per rimuovere Bolsonaro, anche se lui rappresenta una grande e reale minaccia. Ma quello che tutti gli altri possono fare è mettere in quarantena il Brasile. Nessuna legge nazionale o internazionale impedisce agli altri paesi di vietare ai voli provenienti dal Brasile di atterrare sul loro territorio. Quindi fatelo. Subito. Senza eccezioni.

Fortunatamente, ci sono poche rotte stradali molto trafficate fuori dal Brasile, e i vicini del paese hanno tutti gli incentivi per chiuderle. Il commercio marittimo potrebbe continuare, a patto che ogni nave che lascia il Brasile passi almeno due settimane in mare prima di fare scalo in un altro porto (o più a lungo, se qualche equipaggio sviluppa sintomi di Covid).

Anche il trasporto aereo potrebbe essere permesso, specialmente se i governatori statali possono comprare alcuni vaccini all'estero, a patto che non siano ammessi passeggeri e che l'equipaggio sia rigorosamente in quarantena alle due estremità del volo. Nessuno vuole punire i brasiliani, che stanno già soffrendo molto sotto Bolsonaro. Semplicemente non vogliamo che uccida anche i nostri genitori.

Quanto dovrebbe durare la quarantena? Almeno fino a quando non capiremo la vera minaccia del P.1 e delle altre varianti brasiliane emergenti, non avremo sviluppato dei vaccini che funzionino contro di loro e non avremo avuto il tempo di inoculare le nostre popolazioni altrove. Quindi almeno fino alla fine dell'anno, ma considerevolmente più a lungo se i brasiliani non avranno il loro tasso di infezione sotto controllo.

C'è un dibattito legittimo che sta iniziando a emergere sul fatto che dovremmo cercare di sradicare completamente questo coronavirus (come la SARS e la MERS) o puntare solo al "contenimento" a lungo termine (come l'influenza). Non si tratta di questo. Si tratta di evitare un'escalation mortale del pericolo. Il mondo può farlo abbastanza facilmente, se vuole, e Bolsonaro non ha un voto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.