Il Ministero dell'Educazione cinese ha autorizzato l'apertura di due nuove lauree in portoghese

scritto TPN/Lusa, in Asia, Scuola · 13-03-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

I due nuovi dipartimenti portoghesi sono stati creati presso l'Università Normale di Hebei e l'Università Normale di Hunan e inizieranno a settembre

I due nuovi corsi di laurea porteranno il numero di corsi nella Cina continentale a più di 30.

Il dipartimento portoghese vuole formare gli insegnanti che insegnano il cinese negli Istituti Confucio (IC) che operano nei paesi di lingua portoghese, attraverso la creazione di un corso gratuito, oltre alla laurea.

L'organizzazione sponsorizzata da Pechino garantisce corsi gratuiti di mandarino in cinque università portoghesi - Aveiro, Coimbra, Lisbona, Minho e Porto.

Il corso alla Hebei Normal University conterà su 30 studenti nel suo primo anno accademico e mira a sostenere la creazione di una facoltà dedicata al calcio.

La Cina mira a diventare una potenza calcistica, entro la metà di questo secolo, ed è per questo che ha attirato allenatori e giocatori stranieri, tra cui centinaia di brasiliani e portoghesi.

Il paese ha raggiunto la finale della Coppa del Mondo solo una volta, nel 2002, in Corea del Sud.

In totale, più di 1.500 studenti cinesi stanno seguendo corsi di portoghese in Cina.

Fino al 1999, solo l'Università di Studi Esteri di Pechino e l'Università di Studi Internazionali di Shanghai offrivano lauree in portoghese.

L'apertura accelerata di nuovi corsi riflette la crescente necessità della Cina di formare personale migliore per lavorare con i paesi di lingua portoghese, data l'evoluzione del commercio, che solo nel 2020 ammonta a circa 121 miliardi di euro.

La maggior parte dei quali va all'Angola e al Brasile, i cui scambi con la Cina costituiscono la maggior parte di questo commercio.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.