Il Regno Unito inverte la politica di disarmo e decide di aumentare l'arsenale nucleare

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Regno Unito · 16-03-2021 15:39:00 · 0 Commmenti

Il governo britannico ha deciso di aumentare il tetto del suo arsenale nucleare per la prima volta dalla caduta dell'Unione Sovietica, come parte della sua revisione strategica di sicurezza, difesa e politica estera pubblicata il 16 marzo.

Il Regno Unito aumenterà il tetto del suo stock di testate nucleari da 180 a 260, un aumento di circa il 45%, secondo il documento, che sarà presentato in Parlamento dal primo ministro, Boris Johnson.

La decisione termina una politica di disarmo nucleare graduale che è stata in corso per circa 30 anni, anche se è insolito rivelare pubblicamente il numero esatto di testate o missili.

"Dato l'ambiente di sicurezza in evoluzione, compresa la crescente gamma di minacce tecnologiche e ideologiche, tale [disarmo nucleare graduale] non è più possibile e il Regno Unito avrà ora una riserva generale di armi nucleari di non più di 260 testate", ragiona.

La revisione integrata di sicurezza, difesa, sviluppo e politica estera mira a definire la visione post-"Brexit" del Regno Unito per le partnership internazionali, mentre rivaluta le minacce per il paese.

Nel documento di 100 pagine, il governo britannico, paese particolarmente colpito dalla pandemia di Covid-19, ammette il rischio di una nuova pandemia nel prossimo decennio, sostenendo che "i focolai di malattie infettive saranno probabilmente più frequenti entro il 2030".

La Cina è identificata come "la più grande minaccia in termini di stato per la sicurezza economica del Regno Unito", descrivendo il paese come un "concorrente sistemico".

"La crescente potenza e assertività internazionale della Cina sarà probabilmente il fattore geopolitico più significativo degli anni 2020. Le dimensioni e la portata dell'economia cinese, le dimensioni della popolazione, il progresso tecnologico e la crescente ambizione di proiettare la sua influenza sulla scena internazionale, per esempio attraverso la Nuova Via della Seta, ha profonde implicazioni internazionali", si legge nel documento.

Tuttavia, Londra promette di mantenere un dialogo e un'apertura al commercio e agli investimenti del gigante asiatico, e sottolinea che "la cooperazione con la Cina può essere vitale per affrontare le sfide transazionali, in particolare il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità".

La nuova strategia diplomatica e militare ha pochi riferimenti all'Unione Europea, da cui il paese è uscito in conflitto in alcune aree, proponendo di rifocalizzare il Regno Unito sulla regione Indo-Pacifica, che qualifica come il "centro di gravità geopolitico" del mondo, promuovendo un riavvicinamento con paesi come Australia, India, Giappone e Corea del Sud.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.