PROBAAL combatte contro la fattoria di pannelli solari a Barrocal

scritto Paula Martins, in Notizia, Algarve, La Sezione Sostenibilità · 19-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Pró Barrocal Algarvio (PROBAAL) - Gruppo di difesa dell'ambiente - chiede di porre fine alla prospezione di un'area di 200 ettari per costruire una fattoria di pannelli solari a Barrocal che credono sarà dannosa per l'ambiente, distruggendo le falde acquifere, la fauna e la flora.

In questione sono le aree della regione tra le contee di Tavira, São Bras de Alportel e Olhão. Anche se nulla è ancora ufficiale, PROBAAL ha le prove che Iberdrola sta progettando la costruzione di una fattoria di pannelli solari in questi luoghi.

Tutto è iniziato nel settembre 2020: "Siamo stati avvisati di questa possibilità dal fatto che Iberdrola ha fatto alcuni lavori di esplorazione del terreno qui a settembre e da allora ha offerto contratti per affittare terreni nella località", ha spiegato PROBAAL.

Da allora hanno scoperto che diversi proprietari terrieri di quella regione sono stati contattati per affittare i loro terreni per diversi anni in modo che la compagnia Iberdrola potesse utilizzarli per i pannelli solari. Secondo l'associazione, Iberdrola sta offrendo "600 euro al mese (3.000 euro all'anno), per 10 anni", che PROBAAL caratterizza come "un sacco di soldi", per terreni che non vengono utilizzati, senza generare reddito.

Danni ambientali
Per PROBAAL ci sono due cause principali di preoccupazione. In primo luogo, i costi dell'habitat. Migliaia di alberi, 50 specie di uccelli, piante, farine (orchidee rare incluse), in questi "200 ettari di vita selvaggia naturale di terra e di habitat è enorme", hanno detto gli ambientalisti.

Poi, il problema che hanno indicato come il più drammatico del caso è la potenziale distruzione di una falda acquifera "preziosa e sana": "Siamo sopra una falda acquifera. Grandi quantità d'acqua si infiltrano qui a causa di tutti questi alberi e della natura, senza questa vegetazione, l'acqua semplicemente scorrerà via, senza infiltrarsi nel suolo questo fermerà l'alimentazione della falda", hanno spiegato.

"Stanno trasformando l'Algarve in un deserto", hanno avvertito. PROBAAL ritiene che in un momento in cui l'Algarve soffre di mancanza d'acqua, è sbagliato distruggere una falda acquifera, anche se può causare ancora più problemi di inondazioni nelle città di Faro, poiché l'acqua che non si infiltra nel terreno, scorre via verso le città. Inoltre, "meno alberi, meno precipitazioni, questo è un fatto scientifico", hanno chiarito.

Vi starete chiedendo: non sarebbe una buona cosa per l'ambiente costruire un parco di pannelli solari perché sfruttare il sole è un'energia rinnovabile? Lo pensavo anch'io, così abbiamo chiesto cosa ne pensava la PROBAAL.

Ebbene, nonostante siano migliori di altre fonti di energia, i pannelli solari inquinano comunque. Secondo gli ambientalisti, la vita media dei pannelli solari è di 25 anni e i rifiuti del loro riciclaggio possono essere preoccupanti: "I paesi che non dispongono di mezzi robusti per lo smaltimento dei rifiuti elettronici sono a maggior rischio di problemi legati al riciclaggio", affermano, aggiungendo che ciò potrebbe portare all'aumento di "rifiuti tossici per le generazioni future".

Inoltre, PROBAAL ha spiegato che i pannelli solari sono costruiti utilizzando metalli pesanti estremamente inquinanti, il che significa che questa opzione rinnovabile, secondo loro, non è perfetta e non vale la pena per i danni a Barrocal.

The Portugal News ha chiesto a IBERDROLA di commentare la situazione, ma al momento di andare in stampa non avevano risposto.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.