Riunisci i soliti sospetti: Il Quad si sveglia

scritto Gwynne Dyer, in Parere · 19-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

È stato abbastanza piacevole vivere su un pianeta in cui la maggior parte delle grandi potenze non erano rinchiuse in due alleanze ostili armate di armi nucleari, ma niente dura per sempre.

Strisciando timidamente sul palco via Zoom, il successore della NATO è emerso in pubblico venerdì scorso.

Si chiama Quadrilateral Security Dialogue - il 'Quad', in breve. Vuole essere per la Cina quello che la NATO (l'Organizzazione del Trattato Nord Atlantico) era per la vecchia Unione Sovietica: un'alleanza per dissuadere e contenere il "regime malvagio", ora situato a Pechino, fino al suo definitivo collasso.

I quattro del Quad sono paesi che hanno tutti combattuto la Cina negli ultimi 75 anni: Stati Uniti e Australia (nella guerra di Corea), Giappone (prima e durante la seconda guerra mondiale) e India (sporadiche guerre di confine).

È stato il militarista primo ministro giapponese Shinzo Abe a proporre originariamente Quad 1.0 nel 2007, ma i nuovi leader australiani, statunitensi e giapponesi l'hanno accantonato nel 2008. Donald Trump l'ha rilanciato come parte della sua politica anti-cinese nel 2017, e questa volta anche gli altri ex giocatori erano pronti a farlo. Joe Biden ha appena comunicato che anche lui è a bordo del Quad 2.0.

La maggior parte dei 'soliti sospetti' (gli altri membri della NATO) vogliono anche unirsi alla squadra come giocatori, o almeno come sostituti: una nave da guerra canadese ha navigato attraverso lo stretto di Taiwan a gennaio, e Gran Bretagna, Francia, Germania e Paesi Bassi schiereranno tutte navi da guerra nella regione dell'Indo-Pacifico più avanti nell'anno.

La "NATO in Asia" si sta davvero preparando per un'altra decennale guerra fredda e/o una possibile guerra calda? Ogni potenza con armi nucleari, eccetto Israele e forse la Russia, farebbe parte di questo confronto, e ci sono molti più potenziali punti critici nella regione Asia-Pacifico di quanti ce ne siano mai stati in Europa.

Questa nuova alleanza darà lavoro a una generazione di professionisti militari in molti paesi e un motivo strategico per versare denaro nelle loro industrie di armi. Ma ciò che lo sta guidando non sono solo le solite esagerate "valutazioni di minaccia" dei militari.

Non c'è assolutamente alcuna prova che la Cina abbia intenzione di invadere alcun luogo (tranne Taiwan, che tutti i membri del Quad riconoscono essere tecnicamente parte della Cina). Infatti, a parte piccoli scontri di confine, nessun regime cinese, comunista o altro, ha invaso alcun luogo per secoli. Quindi perché preoccuparsi?

C'è qualcosa di più antico e profondo al lavoro qui. È l'antica strategia dell'"equilibrio di potere" che è apparsa tra le città-stato sumere circa nel 2500 a.C., e che ha dominato la politica internazionale per la maggior parte del tempo da allora.

Tutte le maggiori potenze in una data regione (Mesopotamia 3500 anni fa), o continente (Europa 350 anni fa) o persino il mondo intero (NATO contro Unione Sovietica 35 anni fa) vedono ogni altra grande potenza come un potenziale nemico. E la storia insegna che l'amico di oggi può essere il nemico di domani, quindi bisogna sempre essere più forti.

In particolare, i paesi si preoccupano di una grande potenza emergente che potrebbe diventare abbastanza grande da sconvolgere l'intera cassetta della frutta - la Spagna nel 17° secolo, la Francia nel 18°, la Gran Bretagna nel 19°, la Germania all'inizio del 20° secolo, la Russia alla fine del 20° - e fanno alleanze contro di essa.

Questi accordi di solito sono finiti in grandi guerre, ma recentemente non così tanto: quarant'anni di guerra fredda contro l'Unione Sovietica si sono conclusi senza una "guerra mondiale". Ora la crescente forza della Cina è abbastanza grande da rimettere in moto la ruota, e il suo comportamento dovrebbe essere assolutamente santo per impedire agli altri di coalizzarsi contro di lei nel modo tradizionale.

Ci sono aspetti del regime comunista cinese che sono davvero "malvagi": il suo comportamento verso le minoranze etniche nello Xinjiang e in Tibet, per esempio, e verso i dissidenti tra il suo stesso popolo cinese. Anche la violazione dei trattati a Hong Kong e la costruzione di basi militari sulle isole contese nel Mar Cinese Meridionale, in spregio al diritto internazionale, non sono certo "misure di rafforzamento della fiducia".

Ma non c'è bisogno di questa alleanza Quad. È tanto implausibile credere che la Cina invaderebbe qualche paese oltre i suoi confini ora (eccetto Taiwan, ovviamente) quanto lo era pensare che l'Unione Sovietica avrebbe mai seriamente considerato di invadere la Germania Ovest. Il Quad è una perdita di tempo e di risorse, e (date le armi nucleari con molti inneschi) un rischio inutile.

Una riflessione sulle scale, tuttavia. I consiglieri di Biden sono abbastanza astuti da rendersi conto (a) che la Cina sotto l'attuale gestione finirà per invadere Taiwan ed è destinata a vincere; (b) che sarebbe suicidamente pericoloso per gli Stati Uniti intervenire; e (c) che tutti gli alleati attuali e futuri dell'America pensano lo stesso?

Nel qual caso il loro vero scopo potrebbe essere quello di diffondere la colpa: preferirebbero essere solo uno della folla del Quad che abbandona Taiwan, piuttosto che portare la colpa da soli?
Ma sospetto che non siano così intelligenti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.