Il disgelo artico apre l'opportunità di creare una nuova rotta commerciale marittima

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente · 23-03-2021 14:05:00 · 0 Commmenti

L'Artico perde 43,8 mila chilometri quadrati di ghiaccio ogni anno, una realtà del riscaldamento globale che apre la possibilità di una nuova rotta marittima che rivoluzionerebbe il trasporto globale, secondo gli esperti sentiti dall'agenzia di notizie Lusa.

Il disgelo è irreversibile, secondo il contrammiraglio della marina portoghese Carlos Ventura Soares, che dirige l'Istituto idrografico, ma "in questo momento nessuno può dire quanto sarà veloce".

Una conseguenza ovvia è l'impatto sull'ecosistema artico, ma anche l'apertura di "due nuove grandi aree: la facilità di accesso alle risorse naturali e l'apertura di nuove rotte marine".

Ciò che nazioni come la Norvegia o gli Stati Uniti hanno già è la possibilità di sfruttare le risorse naturali che il disgelo espone e rende accessibili nelle loro zone economiche esclusive.

La possibilità di navigare in sicurezza nell'Artico con rotte regolari "farebbe al Canale di Suez, nel passaggio del transito delle merci dall'Asia all'Europa, quello che il Canale di Suez ha fatto alla rotta del Capo, che non è più così utilizzata per un sacco di traffico dall'Oceano Indiano all'Atlantico", dice il direttore dell'Istituto Idrografico.

Ventura Soares sottolinea che potrebbero essere decenni prima che ci sono condizioni sono regolarmente navigabile, che "per il momento non è ancora stato", oltre a "limitati viaggi sperimentali o solo ai porti locali".

Oltre a meno ghiaccio, queste rotte avrebbero bisogno di avere "la capacità di ricerca e salvataggio in caso di incidente, il pilotaggio marittimo e la capacità di limitare le possibili fuoriuscite. Finché questo non accade, difficilmente potremo parlare di una rotta marittima perenne con la possibilità di uso commerciale, anche se è difficile durante tutto l'anno, ma durante una gran parte dell'anno", dice.

Cosco ha fatto progressi nell'esplorazione di una rotta artica, ma con navi con una capacità massima di tremila container, mentre "le navi madri che fanno la rotta asiatica hanno tutte una capacità di 16mila e, nel caso delle più grandi, di 23mila".

Questo è uno svantaggio economico, ma un incentivo è il fatto che il tempo di attraversamento Asia-Europa può essere accorciato di 14 giorni o più e nel trasporto marittimo, "il costo finanziario delle merci trattenute durante il tempo di transito a volte ha un impatto grande come il trasporto".

Jorge D'Almeida ritiene che "non sarà nei prossimi 50 anni" che le navi più grandi del mondo potranno utilizzare la rotta artica, anche perché sulla rotta tradizionale che porta le merci dall'Asia ai porti del nord Europa (Anversa, Rotterdam e Amburgo) attraverso il canale di Suez, si possono fare affari lungo il percorso passando per importanti magazzini, come Singapore.

Anche se non è ancora una realtà, è necessario agire ora per salvaguardare l'Artico dall'avidità economica degli stati, ha difeso in dichiarazioni a Lusa l'avvocato americano Kristina Gjerde, consulente del Global Marine and Polar Program dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

"Nell'Artico sono le persone, la vita marina, il ghiaccio e l'intero ecosistema che devono essere protetti e dove avvengono alcuni dei cambiamenti più rapidi del pianeta", dice.

Secondo i dati più recenti del National Snow and Ice Data Center nordamericano, il ghiaccio artico a febbraio è diminuito ad un tasso del 2,9% in ogni decennio.

"La sfida è quella di creare strutture di governance che siano legalmente vincolanti e che inibiscano la corsa alle risorse o ai canali navigabili che possono essere aperti, come è già successo nell'accordo di pesca artica offshore, che dimostra come paesi come USA, Russia, Cina o stati europei sono in grado di collaborare quando si tratta di qualcosa che è di interesse internazionale", difende.

Kristina Gjerde fa notare che, anche senza rotte permanenti per attraversare la regione e con un traffico limitato ai porti locali, ci sono già navi alimentate con combustibili pesanti a circolare, "che vengono emessi nell'atmosfera e nel ghiaccio, accelerando il riscaldamento".

"Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha detto che stiamo facendo la guerra al nostro pianeta e dobbiamo pensare all'impatto totale della navigazione, sia ora che tra 20 anni", ha detto l'avvocato.

Gli impatti totali su un ecosistema così sensibile sono ancora sconosciuti e tutti gli otto paesi con seggi nel Consiglio Artico devono valutarli e i cinque con zone economiche esclusive nella regione (Stati Uniti, Canada, Russia, Danimarca, Norvegia) devono monitorare l'impatto dello sfruttamento delle risorse.

"Dobbiamo decarbonizzare la navigazione. Garantire un'impronta ecologica tranquilla, perché sono luoghi che non sono abituati al rumore. Devono navigare lentamente e non possono aggravare il problema del cambiamento climatico globale. È necessario valutare meglio i pro e i contro", difende Kristina Gjerde.

Lo stato artico e la ricerca scientifica nella regione sono al centro del congresso scientifico virtuale Arctic Science Summit Week, che è iniziato venerdì scorso con riunioni di lavoro, ma la cui parte scientifica, organizzata dal Portogallo, va da mercoledì a venerdì.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.