La vespa asiatica decima la produzione di miele nel Nord

scritto TPN/Lusa, in Nord, La Sezione Sostenibilità · 23-03-2021 15:21:00 · 0 Commmenti

L'invasione della vespa asiatica ha causato un calo del 40-50% nella produzione di miele, un aumento dei costi di mantenimento degli apiari e una diminuzione dell'impollinazione, ha detto l'Associazione degli apicoltori del Nord (AANFP).

Questo calo della produzione non riguarda tutto il paese, poiché la vespa è "più installata" nel nord che nel sud, ha avvertito.

Oltre alla diminuzione della produzione, questa specie causa più danni agli apicoltori, per quanto riguarda l'aumento delle spese per la manutenzione degli apiari.

A causa della presenza della vespa, gli apicoltori devono fare più viaggi tra casa e gli apiari, che sono generalmente in una zona remota, per continuare ad assistere le api.

La presenza della vespa asiatica ha anche costretto a fare cambiamenti nella produzione degli alveari, che normalmente avviene in primavera e che ora è stata anticipata.

"Questo era il momento [primavera] in cui rinnovavamo gli sciami, cioè producevamo altri alveari, ma abbiamo dovuto fare dei cambiamenti e anticipare questo processo fuori dal tempo dell'incidenza della vespa asiatica", ha spiegato João Valente, presidente di AANFP.

Ora, gli sciami si rinnovano "fuori stagione", il che rende il lavoro degli apicoltori più difficile perché il tempo è più freddo e bisogna progettare strutture più calde.

Attualmente, i consigli comunali agiscono quando vedono un nido, ma a quel punto "è troppo tardi", ha detto João Valente.

La vespa velutina è una specie asiatica che ha un'azione distruttiva sugli alveari delle api e può essere un pericolo per la salute pubblica.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.