Le follie della "difesa

scritto Gwynne Dyer, in Parere · 24-03-2021 17:29:00 · 0 Commmenti

Nei primi decenni della guerra fredda, questa era la stagione in cui i capi della difesa della NATO annunciavano i loro piani di spesa per l'anno successivo, e quasi sempre "scoprivano" qualche nuova minaccia dell'Unione Sovietica per giustificare il denaro. Negli Stati Uniti, per esempio, i servizi segreti tradizionalmente trovavano una brigata corazzata sovietica nascosta a Cuba ogni febbraio o marzo.

Dopo una prolungata assenza, la tradizione è tornata, anche se ora è una minaccia cinese nel Pacifico, non una minaccia russa nei Caraibi. La settimana scorsa l'ammiraglio Philip Davidson della marina statunitense ha detto al Comitato dei Servizi Armati del Senato che i cinesi si stanno preparando ad invadere Taiwan entro i prossimi sei anni.

"Mi preoccupa che stiano accelerando le loro ambizioni di soppiantare gli Stati Uniti e il nostro ruolo di leadership nell'ordine internazionale basato sulle regole... entro il 2050", ha detto l'ammiraglio. "Taiwan è una delle loro ambizioni prima di questo, e penso che la minaccia sia manifesta durante questo decennio - in effetti, nei prossimi sei anni".

Guerra con la Cina entro il 2027, quindi. E dato che la Marina degli Stati Uniti non potrebbe fermare un'invasione anfibia cinese di Taiwan con le sole armi convenzionali - è troppo lontana dagli Stati Uniti, troppo vicina alla Cina, e la Cina ha un sacco di missili ammazza-navi - sarebbe necessariamente una guerra nucleare, altrimenti gli Stati Uniti dovrebbero semplicemente abbandonare il loro non-so-che.

L'ammiraglio Davidson non è entrato in questi dettagli imbarazzanti, naturalmente. Stava solo cercando di spaventare i senatori per dare alla Marina più navi. E non poteva reggere il confronto con il generale Lord Richards, ex capo delle forze armate britanniche, che si è battuto nel fine settimana per argomentare contro i tagli all'esercito britannico (da 10.000 soldati a soli 72.000).

"Penso alla Russia e alla Cina", ha detto il generale Richards, "non credo necessariamente che stiano per iniziare la terza guerra mondiale con noi, ma possiedono ancora grandi numeri. Se tutto quello che abbiamo è roba hi-tech, e loro hanno mezzo milione di truppe che possono attraversare il confine, allora le capacità hi-tech non servono a molto".

Ma che confine è quello? Il confine occidentale della Russia è a quasi 2.000 km, e la Gran Bretagna è un'isola. Il territorio cinese più vicino è a 3.500 km. Ma poi il primo ministro Boris Johnson ha messo a tacere Richards spiegando che i soldati non avranno tanta importanza perché il Regno Unito sta ottenendo più armi nucleari.

Johnson sta cancellando l'impegno della Gran Bretagna di possedere non più di 180 armi nucleari (sufficienti per ogni città di oltre un milione di persone sia in Russia che in Cina), e sta aumentando il limite dichiarato del 40% a 260 testate. Il Regno Unito si "riserverà anche il diritto" di usare armi nucleari contro non meglio specificate "tecnologie emergenti" che non sono necessariamente nucleari, comprese le "minacce cibernetiche".

Davidson e Richards stanno solo facendo rivivere un tradizionale rituale di primavera e trattando il pubblico come degli stupidi. Stiamo scivolando in una nuova guerra fredda, e questo è ciò che ci si aspetta da loro dalle istituzioni a cui hanno dedicato la loro vita. Il primo ministro britannico è sia sciocco che negligente, ma non sta progettando di sganciare vere bombe termonucleari su diverse centinaia di milioni di esseri umani reali.

Johnson non capisce che dichiarare la sua volontà di usare prima le armi nucleari contro una minaccia non nucleare - o suonare come se fosse quello che intende - è una profonda violazione della dottrina della deterrenza nucleare che ha tenuto a bada la guerra tra grandi potenze per tre quarti di secolo. Per lui suona bene.

Nella fase finale della guerra fredda le istituzioni politiche e militari di entrambe le parti avevano smaltito la sbornia ed erano molto attente alla scelta delle parole. Non facevano minacce a vuoto, smisero di fabbricare "sorprese di primavera", e non davano per scontato che l'altra parte sapesse quando stavano solo gonfiando il petto per scopi di politica interna.

Quella generazione, che alla fine è riuscita a spegnere la mostruosa macchina dell'apocalisse, non c'è più. Al loro posto c'è una generazione di alti politici e ufficiali militari che non temono veramente una grande guerra. Non è successo a memoria d'uomo, e non credono davvero che possa ancora succedere. Le loro controparti in Cina e Russia sono meno vocali, ma quasi certamente lo stesso.

Paragonati a quelli che tenevano i loro posti di lavoro da entrambe le parti alla fine della Guerra Fredda, sono ragazzini al gioco, ma è lo stesso vecchio gioco. La guerra tra potenze dotate di armi nucleari sarebbe folle, ma non è impossibile. E lo stanno facendo nel mezzo di una pandemia globale.

Inoltre, stanno parlando così nella fase iniziale di un'enorme crisi climatica e ambientale che richiederà un alto livello di cooperazione globale per sopravvivere. C'è un ciclo di apprendimento e dimenticanza sia negli affari militari che in quelli politici, e stiamo colpendo la fase di 'dimenticanza' proprio nel momento sbagliato.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.