Lo spettro è ampio. Dalla tipica insonnia, passando per le parasonnie - come sonnambulismo, incubi, bruxismo, sindrome delle gambe senza riposo, enuresi, paralisi del sonno - fino ai due tipi di apnea notturna (ostruttiva e centrale), descriveremo i principali sintomi di queste patologie e come possiamo controllare i loro effetti negativi e tornare a un sonno tranquillo.

In un'intervista con il dottor Carlos Glória, direttore medico dell'ospedale HPA Alvor e pneumologo, abbiamo imparato a distinguere le malattie del sonno, identificandole e, soprattutto, a comprendere l'importanza di una notte ben riposata (adulti da 7 a 9 ore per notte) e scoprire la produttività che una buona notte di sonno può portare alla nostra vita quotidiana.

Renditi conto di quanto può essere semplice porre fine alla tua terribile insonnia

HPA Health Group ha specialisti pronti ad aiutarvi a controllare o addirittura a porre fine all'insonnia per sempre. A volte, le medicine non saranno necessarie e il trattamento può essere meno invasivo e senza farmaci.

"Nella maggior parte dei casi, il trattamento dell'insonnia non dovrebbe iniziare con i sonniferi. Questa è un'abitudine che può essere difficile da rompere, perché le persone diventano dipendenti dai farmaci", si riferisce il dottor Gloria. Quindi, come possiamo porre fine all'insonnia in modo più naturale? Le terapie comportamentali sono la risposta, ma prima distinguiamo tra i due tipi di insonnia.

La difficoltà ad addormentarsi è il tipo di insonnia più comune e può essere associata a stress, ansia e, naturalmente, al lavoro a turni, conosciuta come insonnia precoce o iniziale. Poi, se non hai problemi ad addormentarti, ma ti svegli durante la notte e hai difficoltà ad addormentarti di nuovo, c'è un altro tipo di insonnia, che si chiama insonnia tardiva.

Bisogna quindi tenere sempre in conto che l'insonnia non è un incidente occasionale, ma "una malattia che capita spesso alle persone che hanno questa patologia" che deve essere trattata e monitorata da uno specialista.

Si stima che milioni di persone di tutte le età nel mondo soffrano di questa patologia e che possa essere risolta, nella maggior parte dei casi, con quella che i medici chiamano "igiene del sonno". L'igiene del sonno è caratterizzata da un insieme di buone abitudini che si devono realizzare prima di andare a dormire e che, secondo il medico, si possono riassumere in: "andare a dormire e svegliarsi al momento giusto, alla stessa ora e in un ambiente tranquillo".

Anche durante la pandemia, dovremmo tenere conto di questo consiglio medico. Cercare di dormire alla stessa ora e svegliarsi alla solita ora, eviterà la deregolamentazione del sonno.

Riguardo a questo punto, il medico ci lascia un consiglio per i nostri lettori che spesso soffrono di insonnia: "Si deve andare a letto per dormire, non per vedere serie, film o sport su un cellulare, un tablet o una TV. Se dopo 10-15 minuti non ci si addormenta, allora è meglio alzarsi, andare sul divano del soggiorno, provare a leggere un libro (non guardare film violenti, sport o calcio, soprattutto se la tua squadra sta perdendo...) e andare a letto ancora una volta quando ti senti assonnato. Se ancora non riesci ad addormentarti, alzati ancora una volta e ripeti la stessa cosa. Il letto serve per dormire, ma è molto difficile far adattare le persone a questa routine. È un lavoro che devono fare i professionisti della psicologia comportamentale", spiega.

Sonnambulismo, incubi, bruxismo, pipì a letto, sindrome delle gambe senza riposo e paralisi del sonno

Tutte queste patologie hanno qualcosa in comune: accadono durante la notte, a volte anche senza rendersene conto. Questi disturbi del sonno sono chiamati parasonnie e sono più frequenti nei bambini e negli adolescenti, ma possono durare fino all'età adulta e possono avere conseguenze per tutta la vita se non li trattiamo, quando dovrebbero essere trattati.

Come esempio di parasonnie, abbiamo il sonnambulismo che è molto comune nei bambini. Inoltre, incubi e bruxismo, che è una condizione in cui si digrignano, si digrignano o si stringono i denti durante la notte, questo può causare problemi alle articolazioni temporomandibolari e ai denti. Un'altra parassonnia frequente è l'enuresi, che è quando un bambino di 5 anni o più presenta incontinenza urinaria notturna intermittente.

Movimenti anomali durante il sonno, come la "sindrome delle gambe senza riposo", influenzano anche drammaticamente la qualità del sonno, ha detto il medico.

Come trattare le insonnie o le parasonnie? "Idealmente questi pazienti dovrebbero essere osservati da uno psicologo, neurologo o psichiatra dedicato al sonno. Si possono provare approcci non farmacologici, come la terapia comportamentale, l'ipnosi, ecc. Si possono anche dare consigli interessanti. Per esempio, se un bambino ha un incubo, si consiglia ai genitori di non svegliarlo. I genitori devono essere vicini, assicurandosi che il bambino non si faccia male con qualche movimento e, se il bambino si sveglia, i genitori possono parlargli dell'incubo e cercare, per esempio, di trovare un lieto fine all'incubo", ha spiegato il medico.

La paralisi del sonno è uno dei sintomi della narcolessia, che è anche una parasomnia frequente. Si tratta di una completa incapacità di muoversi per uno o due minuti subito dopo il risveglio, anche se può verificarsi anche poco prima di addormentarsi. I pazienti con questo disturbo del sonno possono anche presentare un'eccessiva sonnolenza durante il giorno. "La paralisi del sonno è una delle parasonnie più complesse, ma ci sono diversi farmaci che aiutano ad alleviare i sintomi. È una malattia trattata da neurologi e psichiatri". Riferisce il dottor Gloria.

Apnea del sonno - come individuarla?

Infine, uno dei tipi più comuni di disturbi del sonno è l'apnea notturna. Il dottor Carlos Glória, che è uno specialista in questo settore, spiega che ci sono due tipi, l'apnea centrale e quella ostruttiva.

Iniziando dalla meno comune, la sindrome di apnea centrale del sonno: si verifica quando "il cervello non fornisce lo stimolo neurologico attraverso la contrazione del diaframma, per avviare la respirazione". È più comune negli anziani, nei pazienti con insufficienza cardiaca, malattie cerebrovascolari o in persone di qualsiasi età che hanno subito traumi o tumori al cervello, ecc. È una malattia per la quale non esiste un trattamento farmacologico efficace. I pazienti usano un ventilatore portatile durante il sonno. Questo dispositivo riconosce quando una persona non respira. Fornisce un ciclo respiratorio quando una persona non respira", ha detto lo specialista.

L'altro tipo di sindrome di apnea è l'apnea ostruttiva del sonno, che è responsabile del 50% di tutte le consultazioni sul sonno, con 500 milioni di persone che soffrono di apnea ostruttiva del sonno in tutto il mondo.

Per iniziare a spiegare perché questo tipo di apnea si verifica, vale la pena ricordare che per una buona notte di sonno è necessario passare attraverso un periodo di sonno superficiale, un periodo di sonno profondo, profondo e un periodo di sogno, noto come REM (perché ci sono Rapid Eyes Movements durante questa fase del sonno).

"Quello che succede è che il paziente che soffre di apnea ostruttiva, rilassa i muscoli della laringe e della faringe quando si addormenta. Durante il periodo di sonno il paziente comincia a russare, e quando il sonno è profondo, l'aria non passa attraverso le vie respiratorie che si chiudono completamente o quasi. Durante questo periodo di tempo, la parte respiratoria del cervello ci dice di respirare, ma l'aria non arriva ai polmoni, perché le vie aeree superiori sono collassate. L'ossigeno nel sangue è ridotto così il nostro cervello ci dice di svegliarci - lo chiamiamo un micro-risveglio - passando dal sonno profondo a quello superficiale. In questa situazione il nostro sonno notturno è molto frammentato, senza periodi prolungati di sonno superficiale, profondo o REM. Così, "anche se un paziente dorme 12 o 15 ore al giorno, è un sonno di scarsa qualità, e l'individuo si sveglierà sentendosi stanco, e si sentirà assonnato tutto il giorno", menziona il dottor Gloria a The Portugal News. Il trattamento per questa malattia comprende un dispositivo portatile (chiamato CPAP) utilizzato per la maggior parte del tempo, che fornisce una pressione d'aria continua e variabile nelle vie aeree superiori, facendo aprire le vie aeree durante i periodi di sonno profondo senza i quali l'aria non può raggiungere i polmoni.

Fattori di rischio - Come scoprire se si soffre di apnea ostruttiva?

"Nei bambini, i genitori scoprono presto se i loro figli russano, e una delle cause più frequenti è l'ingrossamento delle tonsille, che a volte dovranno essere rimosse chirurgicamente. Negli adulti, quando l'apnea si verifica durante il sonno, il coniuge nota un forte russare ed eventualmente delle pause respiratorie durante il sonno del partner", spiega il medico.

Quindi, di solito è più facile scoprirlo se abbiamo un partner che dorme accanto, ma se non si ha un partner, ci sono alcuni sintomi che potremmo notare noi stessi come: svegliarsi dopo un lungo sonno con la sensazione che il sonno non è stato riposante; a volte svegliarsi con una sensazione di soffocamento; e il sintomo più frequente, che è l'eccessiva sonnolenza durante il giorno. I fattori di rischio per l'apnea ostruttiva del sonno menzionati dal medico sono: il sovrappeso, l'età e la storia familiare. Il dottor Glória ha anche detto che alcune malattie come l'ipertensione, l'ictus o il diabete sono più frequenti nei pazienti con apnea del sonno, e il più delle volte il trattamento per l'apnea del sonno si tradurrà in una diminuzione dei farmaci abituali necessari per controllare l'ipertensione o il diabete. Naturalmente, i pazienti sovrappeso beneficeranno anche della perdita di peso per controllare l'apnea ostruttiva del sonno.

L'apnea è più frequente quando si dorme sulla schiena, ma non è lo stesso per tutti. I professionisti dell'HPA sono in grado di eseguire un test per scoprire quante volte l'apnea si verifica durante il sonno, e in quale posizione del sonno si verifica l'apnea. "I pazienti di solito sperimentano il doppio dei periodi di apnea quando dormono sulla schiena piuttosto che dormire lateralmente, perché questo aumenta le possibilità di ostruzione delle vie aeree", ha detto il dottor Carlos Glória.

Se hai dubbi o sospetti di soffrire di una di queste malattie o di un altro disturbo del sonno, contatta il HPA Health Group, dove troverai lo specialista giusto per effettuare tutti i test e prescrivere il trattamento più appropriato per la tua situazione specifica e unica.