Il presidente ha chiesto di emanare un decreto che rafforzi il sostegno sociale

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 28-03-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

Il coordinatore del Blocco di Sinistra ha chiesto al presidente di emanare decreti che rafforzino il sostegno sociale nel contesto della crisi pandemica, avvertendo che "ci sono 130 mila persone che ricevono solo 200 euro" al mese.

"Il presidente prenderà naturalmente in considerazione i vari argomenti. Spero che possiamo promulgare questa legge il più presto possibile. Vi ricordo che, mentre questo aiuto finanziario non è ancora stato promulgato, ci sono 130 mila persone che ricevono solo 200 euro al mese. Qualcuno che ha perso il reddito a causa della pandemia, che è stato costretto a smettere di lavorare in nome della salute pubblica, non è in grado di pagare le bollette più elementari del cibo e della casa con 200 euro al mese", ha detto Catarina Martins.

La leader del Blocco di Sinistra ha risposto alle domande dei giornalisti dopo una conferenza stampa nella sede nazionale del partito a Lisbona.

"Quello che il parlamento ha fatto è stato correggere la misura del governo, in modo che il decreto legge cominci a considerare esattamente quello che il governo aveva promesso ai portoghesi, cioè dare lo stesso sostegno finanziario dell'anno scorso. Si tratta di un piccolo aiuto, che non raggiunge il salario minimo nazionale", ha ricordato.

L'esecutivo di minoranza socialista ritiene che i decreti approvati dal parlamento sul rafforzamento del sostegno sociale a causa della crisi pandemica, che attendono l'eventuale promulgazione da parte del presidente, presentano "una violazione palese" della legge del freno inscritta nella Costituzione, falsando il bilancio corrente.

"Ci sembra straordinario che lo stesso Partito Socialista che, al tempo della crisi finanziaria, con il Blocco di Sinistra, ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale per assicurare che le persone che erano state disoccupate e senza reddito non fossero tagliate dal sostegno finanziario, ora voglia ricorrere alla Corte Costituzionale, per tagliare il sostegno alle persone che hanno perso il loro reddito a causa della pandemia", ha detto Catarina Martins.

In questione è l'estensione di un aiuto finanziario straordinario alla diminuzione dell'attività economica, che comprende i lavoratori indipendenti e i soci amministratori, tra le altre misure, approvato in una votazione finale il 3 marzo, con il solo voto contrario del PS. PSD, BE, PCP, CDS-PP, PAN, PEV, Chega, Iniziativa Liberale e deputati non iscritti Joacine Katar Moreira e Cristina Rodrigues hanno votato a favore.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.