Gli insegnanti notano la "perdita di interesse" degli studenti nelle classi

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Educazione · 28-03-2021 12:00:00 · 0 Commmenti

Gli insegnanti scolastici hanno avvertito dei crescenti casi di "perdita di interesse e motivazione" negli studenti delle scuole elementari e superiori stanchi dell'educazione online, che hanno segnato nuovamente il secondo trimestre delle lezioni.

"Per quanto riguarda i più giovani, la differenza è stata minore", ha detto Filinto Lima, presidente dell'Associazione Nazionale dei Direttori dei Gruppi e delle Scuole Pubbliche (ANDAEP), riferendosi agli studenti della scuola materna ed elementare che sono tornati a scuola il 15 marzo.

Circa 500 mila studenti del 2° e 3° ciclo, così come gli oltre 330 mila studenti della scuola secondaria, torneranno nelle aule solo dopo le vacanze di Pasqua.

I direttori delle scuole hanno notato miglioramenti rispetto alla prima esperienza di apprendimento a distanza, iniziata a marzo dello scorso anno accademico: "L'alfabetizzazione digitale di insegnanti e studenti è aumentata e ci sono molte più attrezzature distribuite", ha sottolineato Filinto Lima.

Il presidente dell'Associazione Nazionale dei Dirigenti Scolastici (ANDE), Manuel Pereira, ha aggiunto che "i computer continuano ad essere consegnati ogni giorno nelle scuole, oltre al sostegno di molti comuni che hanno garantito internet a casa di molte famiglie".

Manuel Pereira ha anche ricordato l'esperienza acquisita dagli insegnanti, che hanno più tempo per pianificare e preparare le lezioni online, ma, ha sottolineato, "nulla sostituisce la presenza degli studenti in classe e la socializzazione a scuola".

La paura di vedere un aumento dei casi di abbandono scolastico è stata sostituita dalla certezza di un altro abbandono: "Non c'è stato un abbandono fisico, perché conosciamo gli studenti, sappiamo dove vivono e, se necessario, scopriamo cosa sta succedendo. Ma c'è stata una perdita di interesse e di motivazione per la scuola", ha avvertito il direttore del Gruppo di Scuole Generale Serpa Pinto, a Cinfães.

Riconoscendo che "non è facile avere adolescenti aggrappati alle lezioni attraverso un computer per tutto il giorno", il direttore ha detto a Lusa che gli insegnanti si sono resi conto durante il 2° trimestre di una "mancanza di interesse, stanchezza e persino esaurimento in relazione alle nuove tecnologie".

Gli stessi studenti hanno confessato a Manuel Pereira di essere "demotivati e stanchi": "Gli studenti ci dicono che sono saturi, molti di loro sono in classe solo per rispettare l'orario. E questa mancanza di interesse ha colpito anche coloro che una volta erano molto interessati alla scuola", ha detto.

Oltre all'apprendimento che è stato lasciato indietro, c'è la questione della salute mentale che preoccupa anche gli insegnanti.

"La scuola è uno spazio sociale fondamentale e gli studenti sono stanchi di stare a casa, vogliono stare a scuola con i loro compagni", ha ricordato Filinto Lima, difendendo la necessità di "rafforzare il numero di esperti specializzati nelle scuole, soprattutto psicologi".

A questa equazione Manuel Pereira ha aggiunto gli insegnanti: "Abbiamo molti insegnanti in una situazione di pre-burnout. Hanno iniziato ad avere molto più lavoro a casa che a scuola. Inoltre, molti hanno dovuto affrontare il difficile compito di cercare di conciliare il lavoro con la vita familiare. Abbiamo molti insegnanti che sono anche genitori e insegnavano mentre anche i loro figli seguivano le lezioni e avevano bisogno di sostegno".

Tra i nuovi compiti, c'erano insegnanti che si rendevano disponibili ad andare a casa degli studenti che non potevano entrare nella classe online.

"Avevamo insegnanti e assistenti che camminavano di villaggio in villaggio, di casa in casa, aiutando le famiglie a mettere in funzione i loro computer, soprattutto nel caso degli studenti più giovani", ha ricordato Manuel Pereira.

Il compito di insegnare ai più piccoli era particolarmente complicato per la mancanza di autonomia e la difficoltà di concentrazione in classe, una situazione che si aggravava quando mancava un solido sostegno familiare, ha aggiunto Filinto Lima.

Per questo motivo, 370 mila studenti delle scuole elementari sono stati tra i primi a tornare a scuola. Anche così, il presidente dell'ANDAEP stima che il recupero dell'apprendimento da parte di questi studenti sarà un processo lungo, che non si risolverà presto.

Tra poco più di una settimana, il 5 aprile, ricominceranno le lezioni e per gli studenti dal 1° al 3° ciclo la scuola sarà di nuovo attiva.

I direttori sperano che questo ritorno sia "vigoroso e duri fino alla fine dell'anno" e temono solo il comportamento della popolazione in generale, che potrebbe compromettere il deconfinamento in corso.

"Molte volte vorrei mettere la società a scuola per insegnare loro le regole. Si vede un sacco di gente che si rifiuta di rispettare le regole più elementari", lamenta Filinto Lima.

I presidi sottolineano ancora una volta che le scuole sono luoghi sicuri e che i casi di infezione nelle scuole sono rari.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.