Na dice No

scritto Neil Connolly, in Sport, Golf · 01-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

È un cambiamento rinfrescante quando riusciamo a guardare 64 dei migliori professionisti dei tornei competere l'uno contro l'altro in un formato match play.

Raramente si può prevedere il vincitore perché la forma può essere misurata solo su 18 buche. Jon Rahm l'ha detto meglio questa settimana, "devi solo battere la persona davanti a te".

Che era un punto abbastanza interessante da fare considerando l'eventuale secondo classificato, il poco conosciuto Scottie Scheffler si è preso cura del maestro del match, Ian Poulter e Jon Rahm nello stesso giorno. Un'impresa che non è sfuggita al pubblico golfistico statunitense e a Steve Stricker, attuale capitano della Ryder Cup. È un po' presto per iniziare a prevedere gli accoppiamenti, ma Scheffler deve aver aumentato considerevolmente il suo valore in borsa per le partite della Ryder Cup di quest'anno.

La natura imprevedibile del match play non avrebbe potuto essere più evidente, se si considera che Dustin Johnson, Rory McIlroy, Bryson DeChambeau e Paul Casey non sono usciti dalle fasi a gironi di cui c'erano quattro giocatori in 16 gruppi.

Ma c'è stato un classico momento di match play, o dovrei dire di conflitto, venerdì pomeriggio tra Kevin Na e Dustin Johnson. Un momento di tensione che è stato al centro di molte conversazioni sul golf durante il fine settimana. Kevin Na avrebbe dovuto dire qualcosa o avrebbe dovuto rimanere in silenzio?

La situazione era questa, Johnson aveva un putt di 5 piedi per vincere l'undicesima buca, che ha tirato fuori. La palla si è fermata a poco più di 15 centimetri dalla buca. Chiaramente infastidito dal fatto di aver mancato il putt, Johnson ha allontanato la palla dalla buca e ha iniziato a camminare verso il tee successivo. Il problema era che Na non aveva concesso il putt. Così poi è arrivato l'enigma, dovrebbe rivendicare la buca o no.

Ha scelto di non farlo, ma si è assicurato che Johnson sapesse dell'indiscrezione e che Na non sarebbe stato così indulgente la prossima volta. Le regole sono molto chiare - un putt deve essere concesso e chiaramente comunicato all'avversario per essere messo fuori gioco.

Personalmente, in questa situazione c'è stata un po' di mancanza di rispetto verso Na. Il piccolo picco di temperamento di Johnson lo ha fatto agire in modo avventato. Quello che mi è piaciuto, e molto a credito di Na, è che Kevin ha agito immediatamente, non ha avuto alcun riguardo per il fatto che stava parlando con il numero uno del mondo, era semplicemente un concorrente che parlava con un altro e lo metteva in riga. Qualcosa che può accadere solo nel golf.

Il problema per Johnson, era che anche se Na non aveva intenzione di reclamare la buca, Johnson era stato castigato e, in un modo strano e minore, era in debito con Na per non aver reclamato la buca. È quasi come se avesse un doppio vantaggio, il primo per aver lasciato andare la situazione e il secondo per aver agito immediatamente e non aver reclamato la buca.

Na ha continuato a vincere la partita facendo birdie in 5 delle ultime sette buche; i commentatori hanno ipotizzato che Dustin Johnson non sembrava lo stesso giocatore dopo l'incidente.

Ora si avrebbe il diritto di dire, se non aveva intenzione di reclamare la buca perché si è preoccupato di dire qualcosa. Questo è il motivo per cui credo che si sia trattato di un po' di mancanza di rispetto. Ciò che è interessante è che i colleghi concorrenti nello stesso torneo hanno tutti detto che Kevin ha agito esattamente in modo corretto e come avrebbero fatto loro.

Su una nota un po' meno stizzosa, manca una settimana al nostro ritorno sul campo da golf ed è la settimana dei Masters!



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.