L'industria del vino alle prese con il blocco

scritto Bruno G. Santos, in Business, Economia, Cibo e Vino · 01-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

L'economia portoghese è stata colpita dalla pandemia di Covid-19 in molti settori, compreso quello del vino nel paese.

Il secondo blocco ha minato ulteriormente le entrate di diverse aziende, soprattutto le piccole imprese, e il business della distribuzione del vino è stato gravemente colpito dalla chiusura dei ristoranti e dei bar.

Jorge Santos lavora in un'azienda che vende vini, Jorge ha detto a The Portugal News che lavora solo una volta alla settimana e da casa, con un orario che varia "tra una e due ore". Nei giorni restanti, il lavoro viene svolto per telefono, dove i dipendenti chiamano "alcuni clienti che sono ancora aperti", ma il numero di ordini è ancora piuttosto ridotto.

Con i ristoranti chiusi, la gamma di clienti si riduce a "alcuni supermercati" e clienti "che chiedono per il loro consumo personale, perché tutto ciò che riguarda i ristoranti è chiuso", dice il venditore.

Il sostegno del governo e gli sforzi dei dipendenti a volte non sono sufficienti e risulta essere più costoso per l'azienda lavorare da casa perché, secondo Jorge uscire, "costa tempo, carburante, denaro e il ritorno è quasi nulla".

L'apertura delle terrazze dopo Pasqua è la luce alla fine del tunnel per tutti i dipendenti dell'azienda che sperano di poter lavorare come hanno sempre fatto, ripristinando la loro clientela abituale, per garantire i loro profitti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.