Il Portogallo continua a violare il diritto ad un alloggio decente per la comunità zingara che risiede nel paese

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 02-04-2021 18:00:00 · 0 Commmenti

La decisione del Comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio riguarda una denuncia presentata nel 2010 e la motivazione afferma che "le condizioni abitative precarie persistono per una gran parte della comunità rom", oltre al fatto che "il governo non ha dimostrato di aver preso misure sufficienti per garantire che la comunità rom viva in case che soddisfino i criteri minimi".

Il Comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio d'Europa ha concluso che il Portogallo continua a violare il diritto a un alloggio decente per la comunità zingara residente nel paese, rivela un rapporto dell'organizzazione.

La decisione riguarda una denuncia presentata nel 2010 e la motivazione afferma che "persistono condizioni abitative precarie per una gran parte della comunità rom", oltre al fatto che "il governo non ha dimostrato di aver preso misure sufficienti per garantire che la comunità rom viva in case che soddisfino criteri minimi".

Anche se riconosce alcune misure prese dal paese per migliorare le condizioni in cui vive la comunità zingara, in particolare attraverso la Strategia nazionale per l'integrazione delle comunità zingare, e programmi di alloggio come il 1° Diritto, invocato dal Portogallo in risposta alla denuncia, il Comitato europeo sostiene che il problema persiste.

Il numero esatto di zingari in Portogallo è sconosciuto e si basa su stime, che indicano una popolazione tra 24 mila e 40 mila persone, ma che il comitato europeo confuta, considerando che stime tra 45 mila e 50 mila persone sono numeri "più realistici", poiché includono gli "invisibili", cioè le famiglie non referenziate e quelle che non hanno una residenza fissa.

"Il numero di zingari stranieri in Portogallo è sconosciuto, poiché non si raccolgono informazioni ufficiali su questo tema", dice anche l'organizzazione del Consiglio d'Europa.

Per quanto riguarda le condizioni di abitabilità della comunità zingara, il rapporto sottolinea anche che circa il 37% degli zingari portoghesi vive in baracche o campi, che si trovano in 70 comuni.

I bambini sono di solito tutti iscritti alla stessa scuola, il che crea una situazione di "scuole zingare" e gli alloggi sono spesso sovraffollati poiché le politiche di trasferimento non tengono conto dell'espansione familiare.

Per questo motivo, la commissione europea, riconoscendo gli sforzi fatti dalle autorità portoghesi, sostiene che il Portogallo è in una situazione di non conformità, che sono necessari miglioramenti e che "ci sono ancora ostacoli" legati alla mancanza di dati quantitativi e qualitativi affidabili.

Ha anche identificato "fallimenti ricorrenti" da parte degli Stati nel garantire l'accesso ai diritti del lavoro in condizioni di parità, sottolineando problemi di discriminazione nell'accesso all'occupazione, disuguaglianze di genere nei salari e l'incapacità di prevenire situazioni di lavoro forzato o sfruttamento del lavoro.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.