Ristoranti preoccupati per la non conformità della maschera

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Business, COVID-19 · 07-04-2021 10:12:00 · 0 Commmenti

I ristoranti sono preoccupati per il mancato utilizzo delle maschere da parte di molti clienti e hanno chiesto al governo un chiarimento delle regole per evitare battute d'arresto nell'allentamento della chiusura.

Parlando all'agenzia di stampa Lusa, il presidente dell'associazione nazionale dei ristoratori PRO.VAR, Daniel Serra, ha detto che gli imprenditori hanno osservato che molti clienti non indossano la loro maschera sulle terrazze. "Nei giorni scorsi abbiamo visto quello che stava succedendo. Noi [associazione] abbiamo ricevuto questa preoccupazione dagli stabilimenti di ristorazione e dal commercio in generale. Nella ristorazione, ha a che fare con l'uso delle maschere e il fatto che i clienti non stanno rispettando le regole, e molti imprenditori stanno chiedendo che, quando non stanno consumando, di tenere la loro maschera. Per questo motivo, chiediamo urgentemente un chiarimento delle regole per evitare una battuta d'arresto nell'allentamento della chiusura", ha detto.

Secondo Daniel Serra, gli imprenditori non sono in grado di imporre l'uso della maschera: "Un terzo degli stabilimenti sono in funzione e due terzi aspettano il 19 aprile e il 3 maggio per poter tornare alla normalità e qui c'è una preoccupazione generale. Gli imprenditori hanno il cuore in mano perché non sono in grado di imporre questo problema e molti clienti quasi inconsciamente finiscono per non rispettare", ha sottolineato.

Per questo motivo, PRO.VAR chiede al governo e alle autorità sanitarie di chiarire le regole per la ristorazione e il commercio in generale, vale a dire l'obbligo di esporle all'ingresso degli stabilimenti: "Chiediamo che il commercio in generale e gli stabilimenti di ristorazione abbiano l'obbligo di avere un'indicazione delle regole covide negli stabilimenti e questo non esiste.È più facile per l'imprenditore farlo rispettare se è affisso. Parliamo anche dal punto di vista della concorrenza: se è un obbligo, tutti devono conformarsi allo stesso modo, non c'è concorrenza sleale. Alcuni si conformano, altri no e le cose non funzionano", ha spiegato.

Secondo Daniel Serra, dovrebbero essere affisse informazioni importanti come la capacità, le regole di base per l'uso della maschera e la disinfezione delle mani: "Fondamentalmente, ci sono regole di base che abbiamo chiesto. Che tutti gli stabilimenti dovrebbero essere obbligati a comunicare in modo che questa attuazione sia più facile".Gli imprenditori chiedono un equilibrio tra il controllo della pandemia e l'economia. Non vogliamo tornare a una situazione precedente qui. Abbiamo avuto 13 mesi di enormi difficoltà che il settore sta affrontando e sarebbe catastrofico confinarlo di nuovo", ha detto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.