Non sono sempre stato un giardiniere, e dire che lo sono ora è un po' esagerato, a dire il vero. Ho un giardino e ci lavoro: questo fa di me un giardiniere? Non sono una miniera di informazioni, non sono affatto Charlie Dimmock, e non saprei da dove cominciare per creare un giardino da zero.

Ma sono consapevole, come molte persone, che alcune piante hanno bisogno di pieno sole, anzi ne traggono beneficio, mentre altre hanno bisogno di ombra o di un angolo umido da qualche parte, altre ancora di entrambi. E bisogna decidere se si vuole un giardino ornamentale o un orto, anche se so che è possibile avere entrambe le cose con successo.

Con il caldo del Portogallo, suppongo che i pomodori siano un buon punto di partenza per le verdure; potete anche conservare i semi di pomodoro dall'insalata che avete mangiato a pranzo, farli seccare e piantarli: un inizio economico! I pomodori hanno bisogno di molto sole, ma anche di molta acqua e di un'operazione complessa chiamata "pizzicatura", che consiste nell'eliminare i nuovi germogli prima che diventino troppo grandi, in modo che la pianta dia tutti i suoi sforzi per dare frutti piuttosto che per produrre molta crescita. Inoltre, hanno bisogno di nutrimento, il mangime per pomodori, che si trova anche nei grandi supermercati, se hanno una sezione dedicata al giardinaggio.

Potete anche coltivare i pomodori in vaso se avete solo una piccola area di coltivazione, ad esempio un balcone o un piccolo patio. Una volta li coltivavo, ma avevo un rospo residente che si posizionava sulla mia piantina di pomodoro durante la notte (suppongo per il terreno fresco e umido); alla fine ha smesso di accovacciarsi quando la pianta è diventata un po' scomoda, suppongo, e i miei pomodori sono fioriti.

Quindi, che cosa va bene per un giardino di fiori iniziale? I gerani sono ottimi, sembrano fiorire tutto l'anno e quando la pianta diventa troppo legnosa, potete tagliare la nuova crescita e piantarla in un altro vaso. Ci sono molte varietà diverse tra cui scegliere e sono piuttosto difficili da uccidere.

Le erbe ornamentali sono sempre belle, con fronde di diversi colori che si muovono dolcemente nella brezza e non hanno bisogno di molta manutenzione. L'aspetto negativo è che anche i semi si staccano con la brezza e si piantano ovunque atterrino, quindi bisogna fare attenzione.

Anche i cactus vanno bene: dopotutto crescono nel deserto, quindi un po' di calore e la mancanza d'acqua dovrebbero farli stare bene fino a terra, per così dire.

Anche le succulente vanno bene, sono quelle con foglie spesse e carnose - di solito sono a crescita lenta, quindi un'attenzione sporadica non farà loro male.

Alcune fioriscono anche, io ne ho una grande e spinosa chiamata echinopsis, che in estate produce favolosi fiori rosa, ed è una delizia vedere le api che vi spariscono dentro per il polline.

Ma ho ucciso più piante di quante ne abbia fatte crescere: ho avuto bellissime orchidee in vaso, le quali, poverine, ci hanno messo anni a fiorire, ma appena me ne occupo io si arrendono per qualche motivo, devono vedermi come la matrigna cattiva! Nemmeno le etichette sulle piante che danno consigli sulla semina o sull'annaffiatura sembrano aiutarmi, sembra sempre che io esageri con l'acqua e le sommerga, o che dimentichi che hanno bisogno di più di un goccio una volta al mese e muoiono.

Ma non fidatevi della mia parola: chiedete a qualcuno che ne sappia davvero qualcosa, ad esempio a qualcuno collegato a un centro di giardinaggio che vi guiderà volentieri nella giusta direzione. Oppure chiedete a qualcuno che ha già un giardino consolidato: è molto probabile che abbia già fatto i suoi errori e vi darà buoni consigli!