Avevo una supposizione idilliaca su come sarebbe stato il lavoro da casa nella mia famiglia, avrebbe incluso la cottura obbligatoria del pane alla banana, una possibilità per me di scavare finalmente fuori la strana roba che sembra accumularsi sotto il mio divano a un ritmo allarmante, e un'opportunità di passare un po' di tempo di qualità con i miei più vicini e più cari. Si scopre che niente di tutto ciò è accaduto.

La roba sotto il divano ora credo abbia assunto una sua personalità, la nostra dieta consiste principalmente in toast e patatine e nonostante siamo in quattro a vivere in meno di 100 metri quadrati, mi ritrovo a vedere raramente qualcuno... dove sono (forse la roba sotto il divano li ha consumati)?

Si scopre che sono tutti online - costantemente.

Un recente studio "Lavita digitale dei bambini in tempi di Covid-19", coordinato dal Joint Research Center della Commissione Europea, che includeva dati specifici per il Portogallo, ha scoperto che mentre il 57 per cento degli intervistati ha scoperto che i loro figli usavano il computer più frequentemente e il 67 per cento considerava che i loro piccoli avevano sviluppato più competenze. Ha anche mostrato che più della metà considera che i bambini fanno un uso eccessivo delle tecnologie digitali, con un uso medio giornaliero di sette ore al giorno.

Io so che passo più di sette ore al giorno al computer, e questo è stato il caso per anni, dato che purtroppo la nozione romantica di un reporter itinerante che esce con carta e penna raramente accade nell'era dei media digitali. Tuttavia, queste statistiche mi hanno fatto dare un'occhiata più da vicino alla mia famiglia e al tempo che passano attaccati a internet in qualsiasi forma.

Studiare a casa significa che almeno la metà del giorno lavorativo i bambini erano in classe con alcuni degli esseri umani più pazienti e più pazienti sulla terra che raccolgono la sfida di insegnare agli adolescenti stanchi del mondo che inevitabilmente si rifiutano di mettere la loro telecamera. Tanto di cappello a tutti gli insegnanti che hanno sopportato questi adolescenti giorno dopo giorno e hanno fatto del loro meglio per creare un entusiasmo per le equazioni matematiche che la mia capacità educativa non è stata in grado di soddisfare da quando avevano circa otto anni. Metto però in discussione il sadico orario della musica alle 8.30 del mattino con le ripetute esercitazioni di flauto dolce o la lezione di educazione fisica a casa con i salti alla stessa ora in un altro giorno - i nostri vicini stavano probabilmente maledicendo anche questi.

Dopo la scuola, però, è iniziato il vero divertimento online per i bambini, che in tutta onestà non sono stati in grado di vedere gli amici o di uscire alla fermata dell'autobus o su una panchina (o dovunque gli adolescenti si trovino ora) per tre lunghi mesi.
La bambina più grande è incollata a Instagram, con uno scroll costante, intervallato da messaggi istantanei che sembrano non finire mai... questo sembra intrattenerla per qualche ora buona finché non vuole guardare la TV in salotto.
La bambina più piccola si è invece trasferita nel mondo del gioco online.

Quando ero piccola, io e mia sorella giocavamo così tanto a Super Mario Bros che sognavo costantemente la principessa Peach che scavava in una buca di sabbia evitando abilmente gli Shyguys, con tanto di colonna sonora. A memoria non eravamo in grado di salvare una partita, quindi significava semplicemente giocare fino alla morte (per ore e ore) e questo ci ha intrattenuto con successo per tutta l'estate del 1989.

Il gioco è un po' diverso ora e probabilmente una delle maggiori differenze è che non devi sederti a casa con tua sorella e litigare per il controller, ora puoi giocare online, in tempo reale con chiunque, ovunque nel mondo.
L'idea che la mia tweenager si incontri virtualmente con chiunque online mi ha riempito di orrore, così abbiamo impostato tutti i controlli dei genitori, gli account e le password, ma in realtà, da quello che ho visto, questo mondo online è stato un'assoluta ancora di salvezza per una bambina solitamente molto socievole che trae molta più gioia dal chattare con i suoi amici mentre giocano che dal giocare ai giochi stessi - che è un buon lavoro davvero perché rispetto a molti dei suoi amici giocatori lei è davvero il ragazzo da sbattere del gruppo.

Posizionata in salotto, con una testa che farebbe rabbrividire qualsiasi lavoratore di call center, la tweenage è presto ridendo, chiacchierando e spesso urlando di gioia mentre lei e il suo gruppo di amici vanno in giro per l'isola di Fortnite, abbattendo i bot, facendo fuori i nuovi arrivati e prendendo il loro tempo per giocare semplicemente - proprio come i bambini hanno sempre fatto. Quindi so che sarebbe bello se fossero fuori con le loro biciclette e skateboard, e non sarebbe bello se fossimo tutti giù in spiaggia per una nuotata o su al club per una partita di tennis - ma questa non è la realtà di questi bambini ora e probabilmente non lo sarà per molto tempo se dobbiamo essere brutalmente onesti.

Sedersi in una stanza buia e fissare uno schermo era qualcosa che prima non avrei mai incoraggiato, ma per molti bambini, il gioco è molto più di questo, è un collegamento con il mondo esterno e mentre avere amici e connessioni IRL (nella vita reale) è qualcosa che non vedo l'ora che i miei figli si godano di nuovo appieno, fino a quel momento sono felice che si mettano le cuffie e ridano.

Ora tutto ciò di cui ho bisogno è che si abbassino un po', in modo che io possa andare avanti con il mio lavoro.