Il deputato António Gameiro conferma le ricerche nel caso che ha portato all'arresto del sindaco di Algarve

scritto TPN/Lusa, in Algarve, Notizia · 14-04-2021 17:56:00 · 0 Commmenti

Il deputato António Gameiro ha confermato il 14 aprile che la polizia giudiziaria ha effettuato perquisizioni nelle sue due case e nell'ufficio dove è consulente, come parte del processo che ha portato all'arresto del sindaco di Vila Real de Santo António.

"Ieri [13 aprile], la Polizia Giudiziaria ha effettuato perquisizioni nelle mie due case e nell'ufficio dove sono consulente, non avendo trovato alcuna prova della pratica di alcun crimine", ha detto il deputato socialista all'agenzia di stampa Lusa.

"In ogni caso sono disponibile affinché la mia immunità parlamentare sia revocata immediatamente per potermi difendere e collaborare con la Giustizia, poiché finora non mi è stata notificata questa richiesta di revoca", ha detto António Gameiro, candidato del PS per il comune di Ourém, nel distretto di Santarem, alle prossime elezioni locali.

Il parlamentare 50enne, avvocato, ha detto di non conoscere "i termini di questo processo" in cui è sospettato, ma ha dichiarato di avere "la coscienza pulita".

"Il mio unico legame con questo processo è di natura strettamente professionale, come consulente di uno studio legale", ha aggiunto, specificando che "come consulente, ho solo" raccolto informazioni, richiesto pareri e redatto lettere, "su richiesta dello studio, su richiesta del consiglio comunale di Vila Real de Santo António".

Il socialista, che era presidente del distretto di Santarém, ha anche garantito che avrebbe mantenuto le sue funzioni di deputato e che avrebbe continuato come candidato al comune di Ourém.

Quattro persone sono state arrestate il 13 aprile dalla polizia giudiziaria (PJ) per sospetto di corruzione, ricezione indebita di vantaggi e abuso di potere nell'intermediazione di un affare immobiliare a Monte Gordo, Vila Real de Santo António, ha detto la PJ.

"Nel corso di questa operazione, chiamata Operazione Triangolo, sono state arrestate quattro persone, una delle quali con una carica politica", ha detto il comunicato del PJ.

Secondo il PJ, tra i detenuti, tutti di età compresa tra i 50 e i 70 anni, "ci sono anche un lavoratore del servizio civile e due uomini d'affari".

In gioco ci sono "fatti suscettibili di integrare la pratica dei reati di corruzione, ricezione indebita di vantaggi e abuso di potere", con "sospetti di azione illecita del titolare di una carica politica, che ha beneficiato della collaborazione di funzionari, così come di altri attori, nella mediazione di un affare, l'acquisto di proprietà, di proprietà del comune, sulla spiaggia di Monte Gordo", si legge nel comunicato.

Il sindaco di Vila Real de Santo António, Conceição Cabrita (PSD), è tra gli arrestati.

Secondo il PJ, "sono state effettuate circa 20 perquisizioni, in particolare in case, stabilimenti e uffici di avvocati", e "hanno avuto luogo in Algarve, Lisbona, Leiria e Ourém".

Durante le perquisizioni nelle case dei sospetti, negli uffici degli avvocati e in una banca "sono stati sequestrati diversi documenti, oggetti e prove, che saranno analizzati", ha aggiunto il comunicato.

L'operazione è stata realizzata dalla Direzione Sud della Polizia Giudiziaria nell'ambito di un'indagine condotta dal Dipartimento Regionale di Investigazione e Procura Criminale di Évora (DIAP).

Ha contato anche con la collaborazione dell'Unità Nazionale Anticorruzione, della Direzione Centrale e del Dipartimento di Investigazione Criminale di Leiria della Polizia Giudiziaria.

Nel frattempo, la DIAP regionale di Évora ha rivelato che, "oltre ad altri atti che si sospetta siano stati favorire individui in premi di servizio, appropriazione indebita di fondi del comune e favoritismi personali (almeno dal 2018), è sotto inchiesta la cessione di terreni comunali a società di investimento immobiliare, in cambio di vantaggi finanziari indebiti".

"In gioco sono, cioè, i reati di corruzione passiva e attiva, prevaricazione, appropriazione indebita, abuso di potere, tutti di titolare di carica politica aggravata e reato di corruzione attiva", aggiunge la DIAP di Évora sul suo sito web.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.