Il presidente si rivolgerà alla nazione alle 20:00

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19, Politica · 14-04-2021 10:56:00 · 0 Commmenti

Il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, parlerà al paese il 14 aprile, alle 20, dopo il voto in parlamento sul rinnovo dello stato di emergenza.

Questa informazione è stata anticipata da una fonte della presidenza della Repubblica.

Il progetto presidenziale che rinnova lo stato di emergenza fino al 30 aprile, inviato al parlamento, è identico a quello attualmente in vigore, senza modifiche agli articoli.

La settimana scorsa, Marcelo Rebelo de Sousa ha espresso il desiderio che questo "sia l'ultimo rinnovo dello stato di emergenza, in coincidenza con la fine di aprile". Tuttavia, nell'introduzione di questo diploma, non si parla di questa possibilità.

Questo è il 15° diploma dello stato d'emergenza che il presidente della Repubblica sottopone all'autorizzazione del parlamento nell'attuale contesto della pandemia Covid-19, dopo aver sentito i partiti con sede parlamentare e il governo, e sarà discusso e votato dai deputati mercoledì pomeriggio.

Il capo dello Stato ha parlato al paese ogni volta che ha decretato questo quadro giuridico, ad eccezione del periodo tra l'annuncio della sua rielezione il 7 dicembre e la sua rielezione a presidente della Repubblica il 24 gennaio, e il penultimo rinnovo dello stato di emergenza l'11 marzo, che ha coinciso con la presentazione del piano di deconfinamento del governo e il suo viaggio in Vaticano.

Secondo la Costituzione, lo stato di emergenza, che consente la sospensione dell'esercizio di alcuni diritti, libertà e garanzie, non può durare più di 15 giorni, fatti salvi eventuali rinnovi con lo stesso limite temporale.

Per decretarlo, il Presidente della Repubblica deve sentire il governo e avere l'autorizzazione del Parlamento, che negli ultimi sei rinnovi è stata data con i voti favorevoli di PS, PSD, CDS-PP e PAN e l'astensione di BE.

Lo stato di emergenza ha permesso l'adozione di misure che limitano i diritti di libertà e movimento - come il confinamento di pazienti con Covid-19, infetti e persone sotto sorveglianza attiva o limitazioni al movimento.

Ha anche permesso limitazioni all'esercizio dell'iniziativa privata, sociale e cooperativa, così come ai diritti dei lavoratori - per esempio, imporre il telelavoro - e ai diritti di emigrare e di lasciare e tornare sul territorio nazionale e alla libertà di imparare e insegnare, tra gli altri.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.