Grazie

scritto Neil Connolly, in Sport, Golf · 16-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Si dice da molto tempo che un'immagine vale 1.000 parole, e poi a volte non si riescono a trovare le parole giuste per descrivere l'immagine, o le parole non rendono effettivamente giustizia all'immagine.

Tuttavia ci proverò; la foto che vedete in questa pagina è quella del caddie di Hideki Matsuyama. Ha appena sostituito il bastone della bandiera alla 18esima buca, il mondo e sua moglie, e le loro telecamere, sono su Hideki e la sua reazione nel diventare il primo giocatore giapponese a vincere un campionato maggiore, avendo portato il peso di tutte le aspettative della sua orgogliosa nazione sulle sue spalle, per gli ultimi 10 anni.

È consuetudine che il caddy o il giocatore vincente prenda la bandiera della 18esima buca come parte del suo cimelio per il torneo, lo si può vedere nella mano sinistra del caddy. Poi ha fatto un piccolo passo a sinistra e ha chinato la testa. Non a qualcuno in particolare, ma al campo da golf, a quanto pare. Questo gesto singolare è diventato immediatamente virale e ha catturato i cuori di qualsiasi spettatore sportivo, perché racchiude semplicemente, in modo discreto, l'apprezzamento che un individuo ha per un'occasione molto speciale.

Per il caddy, Shota Hayafuji, è stata la sua prima vittoria con Matsuyama, ma soprattutto ha fatto il suo dovere e ha portato il suo uomo a casa come vincitore. L'inchinarsi del capo potrebbe essere preso come un enorme debito di gratitudine che viene ripagato all'evento, ai concorrenti, al momento e all'opportunità. Non è fuori dal regno della probabilità che sottovoce stesse solo dicendo un umile "grazie" per essere stato e aver fatto un pezzo speciale di storia per la sua nazione.

Un sentimento che ogni spettatore può provare, dato che questo sembrava il Masters di una volta, green veloci, sole primaverile e l'intero campo da golf che sembra essere stato coperto da una coperta verde immacolata.

L'erba non sembra mai così verde come ai Masters. È stato bello essere tornato e che il mondo abbia un po' di senso dell'ordine.

Qualcosa mi dice che la sua reazione sarà una di quelle immagini che è sinonimo di alcuni dei più grandi momenti che Augusta ci ha regalato nel corso dei decenni.

Il Masters è speciale, occupa una parte molto sacra del diario per il popolo del golf. È l'unico torneo che si gioca sullo stesso percorso, ogni anno, quindi impariamo a conoscere ogni rimbalzo, ogni vista e che il torneo inizia per davvero solo sulle back nine della domenica.

Matsuyama non ha avuto nemmeno un back 9 facile, Xander Shauffele stava facendo una corsa contro di lui, il che ha reso le ultime quattro buche decisamente nervose, decisamente non il posto dove vuoi sentirti un po' nervoso.

Ha ammesso candidamente alle telecamere, che non ha sentito i nervi abituali sul back 9, ha detto che li ha sentiti quando si è svegliato la mattina, molto prima del suo primo tee shot. Ma lui e il suo uomo hanno fatto il lavoro, ha finito domenica indossando la giacca verde, e ha 12 mesi per godere di essere il campione Masters. Ha il resto della sua vita per essere un membro di Augusta.

Adam Scott, che ha preso Matsuyama sotto la sua ala durante la sua prima Presidents Cup, ha detto che il giocatore giapponese è trattato come Tiger Woods in Giappone. Ora ha ottenuto più di qualsiasi giocatore prima di lui dal suo paese, penso che scoprirà rapidamente cosa significa essere una superstar.

Un giocatore superstar con un caddy di gran classe.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.