Il governo inietta 970 milioni di euro in TAP quest'anno

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Business · 17-04-2021 16:00:00 · 0 Commmenti

Il governo prevede di iniettare 970 milioni di euro in TAP quest'anno, una misura classificata come temporanea e il cui effetto sui conti pubblici è invertito nel 2022 e 2023, secondo il programma di stabilità (PE)

La cifra è inclusa in una tabella di misure invarianti nel documento approvato il 15 aprile in Consiglio dei ministri e che è entrato nel 'sito' del Parlamento poco dopo la mezzanotte.

Dopo l'iniezione di 970 milioni di euro "da adottare" nel 2021, il governo prevede che l'effetto di 170 milioni di euro di quell'operazione si inverta nel 2022, stimando lo stesso per i restanti 800 milioni di euro nel 2023.

Il 12 marzo, il governo ha presentato una notifica alla Commissione Europea per un aiuto provvisorio a TAP fino a 463 milioni di euro che "permetterà alla compagnia aerea di garantire la liquidità fino all'approvazione del piano di ristrutturazione", è stato annunciato.

In un comunicato, i ministeri delle Finanze e delle Infrastrutture e degli Alloggi, hanno detto al momento che, "nonostante TAP sia sotto assistenza nell'ambito degli aiuti al salvataggio e alla ristrutturazione", come parte della negoziazione del piano tra il Portogallo e la Commissione europea, "è stato accettato che un aiuto fino a 463 milioni di euro potrebbe essere notificato".

"Se approvato, questo importo ridurrà il fabbisogno di liquidità per il 2021 che era incluso nel piano di ristrutturazione", ha aggiunto la nota.

La notifica di questo aiuto permette di rispondere più immediatamente alle necessità di cassa di TAP, hanno detto i due ministeri.

Di conseguenza, l'importo del fabbisogno di cassa della società contenuto nel piano di ristrutturazione dovrebbe essere adeguato.

"Questa situazione deriva dalla particolare gravità dell'impatto di Covid-19 sul settore dell'aviazione e dalla sua recente evoluzione", ha giustificato il governo.

Nel 2020, TAP è tornata sotto il controllo dello Stato, che ora detiene il 72,5% del suo capitale, dopo che la compagnia è stata gravemente colpita dalla pandemia del Covid-19 e la Commissione europea ha autorizzato aiuti di Stato fino a 1,2 miliardi di euro alla compagnia di bandiera portoghese.

Sei giorni dopo la dichiarazione dell'esecutivo, la Commissione europea ha confermato di aver ricevuto dal Portogallo la richiesta di fornire aiuti di Stato provvisori a TAP, che il governo ha annunciato fino a 463 milioni di euro, con Bruxelles che li esaminerà come "questione prioritaria".

"Separatamente [agli aiuti di Stato da 1,2 miliardi di euro già approvati nel giugno 2020], le autorità portoghesi hanno notificato una misura di sostegno per TAP nel contesto dell'epidemia di coronavirus", ha confermato una fonte ufficiale dell'esecutivo UE in una risposta inviata a Lusa.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.