Vertice dei leader del clima: Il saloon dell'ultima possibilità

scritto Gwynne Dyer, in Parere, Notizia · 22-04-2021 17:17:00 · 0 Commmenti

Puoi infilare la testa tra le ginocchia e dire addio al tuo obiettivo di "non più di 1,5 gradi Celsius".

Trump è fuori e Biden è dentro, e sentirete un sacco di discorsi sul raggiungimento del limite mai superato di +1,5°C. Il blaterare inizia oggi (giovedì), quando il presidente degli Stati Uniti convoca il suo 'Climate Leaders' Summit' (virtuale), e termina a novembre a Glasgow con il COP-26, l'incontro quinquennale delle Nazioni Unite sul clima dove gli impegni vengono effettivamente presi.

Ma è già chiaro che l'incontro di Glasgow non può mantenere il riscaldamento sotto +1,5°C. Quell'obiettivo era quasi impossibile quando l'hanno adottato all'ultimo grande vertice sul clima a Parigi nel 2015, e quel treno ha ormai lasciato la stazione.

Questa non è una licenza per la disperazione. Tagliare le emissioni di gas serra è ancora importante e urgente, ma la questione è ora anche come affrontare un riscaldamento molto più pericoloso. Avremo bisogno di nuove strategie e nuove tecnologie per contenere i danni, ma prima - come possiamo sapere con certezza che andremo oltre +1,5°C entro il 2035, o forse anche entro il 2030?

Secondo i numeri. Il consenso scientifico è che 430-435 parti per milione (ppm) di anidride carbonica nell'atmosfera ci impegneranno a +1,5°C. Ora siamo a 415 ppm, e in un anno medio immettiamo nell'atmosfera circa altre 2,5 ppm. Quindi ci restano al massimo 20 ppm da giocare prima di impegnarci a +1,5°C, e copriremo questa distanza entro il 2029.

O meglio, ci arriveremo per allora se non tagliamo le nostre emissioni molto velocemente. Infatti, dobbiamo tagliarle della metà nel 2030 se vogliamo essere sicuri. Ma anche nell'anno della peste, il 2020, tagliamo le nostre emissioni solo del 7%. La maggior parte degli anni non le tagliamo affatto.

Sono i Nationally Determined Contributions (NDCs) che raccontano la storia. Gli NDC sono stati un'innovazione del vertice di Parigi del 2015, progettati per rompere lo stallo che aveva paralizzato i vertici precedenti.

Invece di discutere all'infinito su quanto ogni paese dovrebbe tagliare, ad ogni paese è stato semplicemente chiesto quanto era disposto a tagliare. Presumibilmente sarebbero troppo imbarazzati per dire "niente", così almeno in questo modo otterremo qualcosa.

A proposito, questo è il motivo per cui Donald Trump sembrava così sciocco quando ha chiesto di rinegoziare i tagli alle emissioni degli Stati Uniti che Barack Obama aveva promesso. Non c'è stato alcun negoziato nel 2015. L'obbligo di ogni paese era quello che offriva. L'unica persona con cui Trump avrebbe potuto rinegoziare era Obama, e solo se avesse avuto una macchina del tempo.

Comunque, qui siamo nel 2021, e la teoria era che in questo summit (originariamente previsto per il 2020) ogni paese avrebbe alzato il suo obiettivo di taglio delle emissioni. Abbiamo bisogno di tagli alle emissioni del 50% entro il 2030 per rimanere sotto il limite di +1,5°C. Come sta andando?

Beh, la Russia e il Regno Unito sono le stelle tra i grandi paesi, promettendo rispettivamente il 70% e il 68% di riduzione delle emissioni rispetto al 1990 (ma solo perché si sono deindustrializzati massicciamente negli anni '90). L'intera Unione Europea farà il 55%. Se tutti gli altri facessero lo stesso, saremmo a casa e a secco per il 2030.

Ma il Canada dice che il suo obiettivo è un taglio del 30% rispetto al livello del 2005. (Non il livello del 1990, noterete - e finora ha tagliato solo l'1%). Il Giappone, il Messico e l'Australia sono tutti nella metà degli anni 20, l'India e l'Indonesia non hanno fissato un numero, e la Cina dice che cercherà di "raggiungere il picco" delle sue emissioni entro il 2030 (cioè continueranno a crescere ogni anno fino al 2030).

La promessa degli Stati Uniti sotto Obama era di tagli del 26%-28%, ma Trump si è tirato fuori dall'accordo. Anche se Joe Biden dice che il nuovo NDC americano sarà del 50%, e anche se tutti mantengono le loro promesse, ci ritroveremo nel 2030 con un taglio globale del 30% nella migliore delle ipotesi. Quindi salutate il "non più di 1,5°C di riscaldamento".

Cosa facciamo ora? A partire dalla COP-26, iniziamo a sviluppare modi per far uscire l'anidride carbonica dall'atmosfera (Carbon Dioxide Removal - CDR), e per contenere il calore mentre lavoriamo su questo (Solar Radiation Management - SRM). E lavoriamo il più velocemente possibile per ridurre le nostre emissioni, perché le altre cose sono solo soluzioni tecniche a breve termine.

Il CDR e l'SRM sono stati entrambi discussi al summit del 2015, ma ora dobbiamo iniziare a spendere soldi seri per loro. Ne avremo bisogno nel 2030, e né la scienza né la tecnologia saranno pronte da un giorno all'altro. Dieci anni potrebbero essere sufficienti. Sarà meglio che siano sufficienti.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.