Lotta contro la corruzione per "difendere la democrazia

scritto Daisy Sampson, in Notizia, Politica, Crimine · 23-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Casi di alto profilo che coinvolgono ex e attuali figure politiche hanno evidenziato la corruzione in Portogallo.

Il segretario generale del PCP, Jerónimo de Sousa, ha avvertito che la lotta contro la corruzione è una lotta per difendere la democrazia e ha criticato coloro che "approfittano cinicamente" dei recenti sviluppi dei casi giudiziari.

"Quando alcune persone approfittano cinicamente dei recenti sviluppi dei casi giudiziari, bisogna dire che la lotta contro la corruzione e il crimine economico-finanziario è una lotta da combattere in difesa del regime democratico e per l'approfondimento della democrazia", ha detto il leader comunista, alludendo all'operazione Marquis, che coinvolge l'ex primo ministro José Sócrates.

"Pochi giorni prima di commemorare la rivoluzione di aprile, è bene ricordare che la lotta per la libertà e la democrazia vinta il 25 aprile è stata anche la lotta contro il regime fascista in cui la corruzione era la politica dello Stato al servizio dei gruppi monopolistici e dei proprietari terrieri", ha detto Jerónimo de Sousa.

La decisione istruttoria nel caso dell'ex primo ministro socialista José Sócrates ha "riacceso" la discussione sulla criminalizzazione dell'arricchimento ingiustificato, e alcuni partiti hanno presentato delle proposte.

Lunedì, il presidente della Repubblica ha anche chiesto di trovare i mezzi adeguati per criminalizzare l'arricchimento ingiustificato, sostenendo che questo passo avrebbe già dovuto essere fatto e che "ci sono diversi modi" per farlo nel rispetto della Costituzione.

"Ho parlato di questo dieci anni fa, quando non ero ancora presidente, ho sostenuto che era necessario prevedere un reato e punire quello che è un arricchimento, cioè coloro che detengono poteri pubblici che non hanno giustificazione in quello che è la remunerazione per l'esercizio delle funzioni pubbliche", ha detto Marcelo Rebelo de Sousa.

Secondo il capo dello Stato, "ci sono diversi percorsi e ci sono diverse proposte" per fare questo rispettando la Costituzione della Repubblica portoghese: "Cercate questi percorsi in modo da non perdere una buona idea a causa della forma di attuazione", ha fatto appello.

Anche il candidato della coalizione PSD / CDS-PP alla Camera di Lisbona, Carlos Moedas, ha dato il suo contributo al dibattito sulla democrazia, evidenziando un caso in corso a Lisbona.

"Non è solo il comportamento dell'ex primo ministro José Sócrates che mina il funzionamento della democrazia. Il sospetto che circonda l'attività politica nel CML [Consiglio Comunale di Lisbona] corrode anche questo e, se confermato, rivela un modo di governare la città che considero assolutamente inaccettabile", dice Carlos Moedas.

Il socialdemocratico dice di sperare che "i passi intrapresi contribuiranno ad accertare tutta la verità in relazione ai casi di gestione urbana che da diversi anni sollevano sospetti sulla pratica politica" dell'ente presieduto da Fernando Medina (PS).

"Fino ad allora, mentre il processo investigativo si evolve, c'è un'ombra che incombe sulla pratica di atti quotidiani della massima rilevanza e centinaia di dipendenti comunali saranno fortemente scoraggiati nell'esercizio delle loro funzioni", sottolinea.

In gioco ci sono le perquisizioni effettuate dalla Polizia Giudiziaria (PJ) in locali del Comune di Lisbona, a Campo Grande e Paços do Concelho, dopo denunce nell'ambito di vari processi urbani.

"Sospettato della pratica di reati commessi nell'esercizio delle funzioni pubbliche, relative all'area di pianificazione urbana del Comune di Lisbona, vale a dire, abuso di potere, partecipazione economica negli affari, corruzione, violazione delle regole urbane e traffico di influenze", il PJ ha detto in un comunicato.

Chiamata Operazione Olissipus, l'azione del PJ è stata condotta nell'ambito di otto indagini dirette dal Dipartimento Regionale di Investigazione e Azione Penale di Lisbona (DIAP).

"Sono stati eseguiti 28 mandati di perquisizione, 10 perquisizioni domiciliari e 18 perquisizioni non domiciliari, con l'obiettivo di raccogliere la documentazione relativa a sospette pratiche criminali, sotto inchiesta", ha detto il PJ.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.