I ricercatori sequenziano il genoma della cozza di fiume nota per le sue perle

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente · 23-04-2021 14:00:00 · 0 Commmenti

Un team internazionale, guidato da ricercatori del Centro interdisciplinare per la ricerca marina e ambientale (CIIMAR), ha sequenziato il genoma della cozza di fiume, una specie nota per le sue perle e classificata come criticamente in pericolo, che permetterà di ottimizzare la sua conservazione.

Parlando all'agenzia Lusa, André Gomes-dos-Santos, ricercatore del centro dell'Università di Porto, ha spiegato che il sequenziamento del genoma della cozza di fiume, pubblicato nella rivista DNA Research, della Oxford University Press, è "un primo passo" per la conoscenza della specie.

La cozza di fiume, il cui nome scientifico è 'Margaritifera margaritifera', è conosciuta per le sue perle, e generalmente solo una su 3.000 contiene queste pietre preziose che divennero popolari intorno al 600 a.C. e il cui uso è testimoniato nei gioielli delle famiglie reali di Regno Unito, Svezia, Austria e Germania.

"Nel passaggio dal XX secolo al XXI secolo, le popolazioni di cozze europee sono diminuite del 90%, c'è stato un enorme declino nelle popolazioni di questa specie e molto probabilmente legato agli impatti umani", ha detto il ricercatore.

Con la crescita della popolazione umana, l'industrializzazione dell'Europa durante il ventesimo secolo, l'aumento dell'inquinamento, l'alterazione degli 'habitat' e il cambiamento climatico, la cozza di fiume è diventata uno dei gruppi "più a rischio".

Attualmente, la specie è classificata come in pericolo critico (CR) in Europa dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), e in Portogallo si trova solo in alcuni fiumi della regione settentrionale.

In questo senso, il sequenziamento del genoma - che rappresenta il quarto ad essere sequenziato in circa 800 specie di cozze d'acqua dolce - avrà "implicazioni a lungo termine per la conservazione della specie e la conservazione degli ecosistemi".

"Sequenziare il genoma è il primo passo e significa che produciamo le informazioni genetiche della specie. Ora, dovremo esaminare quelle informazioni e cercare i processi molecolari che controllano alcune caratteristiche uniche", ha detto il ricercatore.

Tra le caratteristiche che spiccano, per esempio, "il fatto che la specie produce perle, vive per lunghi periodi o addirittura ha geni coinvolti nella risposta agli inquinanti e agli effetti del cambiamento climatico".

"Se il genoma ci permette di percepire queste caratteristiche, ci permetterà di sviluppare metodi per proteggere la specie, che avrà anche implicazioni dal punto di vista degli ecosistemi, perché queste specie, anche se discrete, hanno ruoli importanti. Per esempio, hanno un'enorme capacità di filtraggio", ha chiarito.

Secondo André Gomes-dos-Santos, i ricercatori del gruppo di ecologia ed evoluzione acquatica del CIIMAR hanno iniziato un nuovo progetto per sequenziare altri tre genomi di specie europee al fine di "studiare come il cambiamento climatico può influenzare la sopravvivenza di queste specie nei climi mediterranei".

"Il genoma delle cozze di fiume ora ottenuto contribuirà anche allo studio più ampio degli impatti del cambiamento climatico", ha sottolineato.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.