L'isolamento ha aumentato il fumo e il bere

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente, COVID-19 · 25-04-2021 08:00:00 · 0 Commmenti

Uno studio dell'Università di Minho ha concluso che il consumo di alcol, tabacco e "cibo spazzatura" è aumentato dal primo al secondo blocco, e che lo stress e l'ansia avevano "livelli simili" all'inizio di entrambi.

Le conclusioni dello studio, condotto dai ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università del Minho (UMinho) Pedro Morgado e Maria Picó-Perez, a cui Lusa ha avuto accesso, indicano che anche il consumo di "gioco d'azzardo" e cannabis ha registrato un aumento dal confino iniziato nel marzo 2020 a quello iniziato nel gennaio 2021.

La stessa ricerca evidenzia l'"adattamento" ai confinamenti man mano che avveniva, poiché in entrambi i livelli di stress, ansia e sintomi depressivi, che raggiungevano livelli identici nel 2020 e nel 2021, erano "in diminuzione nel tempo".

"Questo fenomeno replica la reazione con adattamento che era già stata osservata nel primo confinamento", concludono i ricercatori.

Per quanto riguarda le abitudini degli intervistati, la ricerca evidenzia un aumento del consumo di fumo e di "cibo spazzatura" (12,8% entrambi) tra il primo e il secondo confinamento. Anche il consumo di alcol ha avuto un "aumento particolare" (11,2 per cento), essendo "particolarmente notevole tra gli uomini, che hanno aumentato il loro consumo di bevande alcoliche del 22,6 per cento".

Il consumo di bevande energetiche è aumentato del 6,3 per cento, il consumo di giochi d'azzardo è aumentato del 2,3 per cento e l'uso di cannabis è aumentato nell'1 per cento dei partecipanti".

D'altra parte, i sintomi ossessivi (misurati, per esempio, dall'eccessivo lavaggio delle mani), sottolinea il testo, "sono sistematicamente diminuiti dall'inizio della pandemia, mostrando valori significativamente inferiori nel 2021 rispetto a quelli osservati nel marzo 2020".

"Nonostante abbiamo più conoscenze sul virus e di essere meglio preparati per le difficoltà di confinamento, siamo anche più stanchi e abbiamo visto l'aspettativa che 2021 sarebbe molto meglio di 2020 deluso", dice Pedro Morgado.

Secondo il ricercatore "l'essere umano ha una straordinaria capacità di adattamento e che, nonostante le avversità, i sintomi sono stati ridotti durante il confinamento".

La ricerca sottolinea anche che nel febbraio 2021 più del 20 per cento del campione aveva consultazioni di salute mentale in corso, quindi Pedro Morgado sottolinea l'importanza delle misure di prevenzione comportamentale e il monitoraggio dei comportamenti di dipendenza.

"Questi sono sempre meccanismi 'disadattivi' di gestione della sofferenza", dice.

Lo studio ora reso noto fa parte di un progetto finanziato dalla Fondazione per la Scienza e la Tecnologia.

I dati sono stati raccolti nei mesi di marzo e aprile 2020 e febbraio e marzo 2021, e nel 2020 il campione era composto da 2042 persone di cui 624 hanno risposto anche nel 2021.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.