Il Portogallo chiede "un'azione senza indugio" per salvare il turismo europeo

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Turismo, Politica · 29-04-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

La presidenza portoghese dell'Unione Europea (UE) ha esortato gli stati membri e le istituzioni dell'UE ad "agire senza indugio" per sostenere il turismo europeo a riprendersi dalla crisi, chiedendo anche un rapido progresso nella creazione del passaporto digitale del vaccino.

"La crisi della Covid-19 ha messo il settore sotto una forte pressione economica e ha avuto un impatto particolarmente grave sulle piccole e medie imprese, che costituiscono la stragrande maggioranza delle imprese attive nel turismo, e dobbiamo quindi agire senza indugio per fornire il sostegno finanziario necessario per alleviare la mancanza di liquidità di molte imprese turistiche, per evitare gravi perdite di posti di lavoro e per aiutare il settore ad uscire dalla recessione", ha detto Ana Paula Zacarias, Segretario di Stato per gli Affari europei.

Parlando a nome della presidenza portoghese del Consiglio in un dibattito su "Salvare la stagione turistica estiva - Il sostegno dell'UE al settore alberghiero", alla sessione plenaria del Parlamento europeo a Bruxelles, ha osservato che la discussione è "tempestiva" in quanto è "un momento critico per intraprendere azioni decisive a favore del turismo, proprio prima dell'inizio della stagione estiva in Europa".

"Dobbiamo tener conto che, per l'ecosistema del turismo, il recupero dalla crisi richiederà più tempo che per altri settori, poiché un gran numero di aziende - come ho detto, per lo più PMI - non erano preparate", ha aggiunto Ana Paula Zacarias.

Per permettere questa ripresa, il segretario di Stato ha anche esortato l'assemblea europea a procedere con la creazione del lasciapassare digitale che provi il recupero, il test o la vaccinazione anti-covid-19, un giorno prima che i deputati discutano la proposta della Commissione europea per il certificato verde digitale, un passo dopo il quale iniziano i colloqui con gli stati membri.

"Il Parlamento europeo ha un ruolo importante nell'approvare, insieme al Consiglio, il regolamento sul certificato verde digitale per facilitare la libera circolazione dei viaggiatori all'interno dell'UE, il più presto possibile e in condizioni di sicurezza", ha detto Ana Paula Zacarias.

In gioco è la proposta legislativa presentata dall'esecutivo UE a metà marzo per quanto riguarda la creazione di un documento bilingue e con codice QR che dovrebbe entrare in vigore entro giugno per consentire la ripresa della libera circolazione all'interno dell'UE in estate.

A metà aprile, gli stati membri dell'UE hanno approvato un mandato per la presidenza portoghese del Consiglio per negoziare la proposta con il Parlamento europeo.

Giovedì 29 aprile, spetterà all'assemblea europea votare e adottare la sua posizione negoziale, dopo di che i negoziati interistituzionali potranno iniziare.

"Sono sicuro che questo certificato, se adeguatamente dotato delle necessarie garanzie di non discriminazione e di protezione dei dati personali, contribuirà notevolmente a questo obiettivo", ha detto.

Sulle restrizioni di viaggio, il segretario di Stato ha difeso un "approccio coordinato alle restrizioni di viaggio all'interno dell'UE e in relazione ai paesi terzi".

Altrettanto cruciale per la ripresa del turismo è, secondo Ana Paula Zacarias, il raggiungimento di "rapidi progressi nell'invertire la situazione epidemiologica e ridurre la diffusione del coronavirus, accelerando il processo di vaccinazione".

"Ciò richiede l'aumento della capacità di produzione dei vaccini e la garanzia della loro disponibilità in tutti gli Stati membri, che si tradurrà in una ripresa più rapida della mobilità sicura in tutta Europa", ha detto ai deputati.

I settori del turismo e dei viaggi rappresentano circa il 10% del PIL europeo.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.