Gli studenti manifestano contro le tasse universitarie

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Scuola, Politica · 29-04-2021 09:00:00 · 0 Commmenti

Circa 300 studenti dell'istruzione superiore hanno manifestato ieri (28 aprile) a Lisbona per chiedere la fine delle tasse scolastiche, lungo un percorso che è iniziato a Largo de Camões e si è concluso davanti all'Assemblea della Repubblica.

Con il motto "È ora di andare avanti, la tangente deve finire", la manifestazione faceva parte di una protesta nazionale che ha avuto luogo anche a Porto, Évora, Braga, Caldas da Rainha, Faro, Covilhã e Coimbra.

Durante tutta la manifestazione, gli studenti hanno gridato slogan come "Milioni vanno in banca, l'educazione riceve centesimi" e "L'educazione è un diritto, senza che sia fatta".

L'Associazione degli studenti della Facoltà di Scienze Sociali e Umanistiche dell'Universidade Nova era una delle otto associazioni che hanno sottoscritto l'azione e il suo presidente, José Pinho, ha detto a Lusa che lo stato attuale dell'istruzione superiore ha portato "gravi conseguenze per gli studenti".

"Questo era già un vecchio problema, ma con la crisi attuale - sia pandemica che economica - gli studenti e le loro famiglie perdono reddito ogni giorno che passa e diventa difficile continuare a sostenere i costi dell'istruzione superiore", ha detto.

Questo è stato il caso di Tomás Caeiro, uno studente della Facoltà di Belle Arti dell'Università di Lisbona, che ha dovuto abbandonare la sua laurea contro la sua volontà, una decisione che gli ha portato "enorme dolore".

"Tutti vogliamo imparare, ma non possiamo a causa di situazioni che sono esterne a noi", cioè la mancanza di mezzi, ha spiegato lo studente, che difende la necessità di riforme urgenti in questo momento a causa della crisi.

Dopo aver segnalato l'esistenza di "casi di studenti che devono decidere tra pagare le tasse scolastiche e mangiare", João Pereira, studente dell'ISCTE - Instituto Universitário de Lisboa, ha dichiarato che "gli studenti non rinunceranno a lottare per i loro diritti".

Nell'Assemblea della Repubblica, oltre a molti megafoni, un tamburo ha tenuto il passo con le richieste dei manifestanti, che vanno oltre la fine delle tasse universitarie e includono più investimenti in azioni sociali, borse di studio e residenze, così come migliori condizioni nei college.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.