Il Portogallo esce dallo stato di emergenza

scritto Daisy Sampson, in COVID-19 · 30-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il presidente della Repubblica ha annunciato la fine dello stato di emergenza in Portogallo, ma ha avvertito che questo non significa che il paese sia fuori pericolo per quanto riguarda il Covid-19.

In un discorso alla nazione, Marcelo Rebelo de Sousa ha detto che non proporrà il rinnovo dello stato d'emergenza che scade ufficialmente il 30 aprile alle 23.59.

"Dopo aver sentito gli esperti (...) il governo, tutto visto e considerato, ha deciso di non rinnovare lo stato di emergenza", ha dichiarato Marcelo Rebelo de Sousa.

L'attuale periodo di stato di emergenza - il 15° decretato dal presidente nell'attuale contesto della pandemia - è iniziato il 16 aprile.

Questo quadro giuridico, che ha permesso l'adozione di misure restrittive dei diritti e delle libertà per contenere la diffusione del Covid-19 in Portogallo, è in vigore con successivi rinnovi dal 9 novembre, dopo essere già stato applicato tra marzo e maggio dello scorso anno.

Marcelo Rebelo de Sousa aveva già detto che sperava che lo stato d'emergenza non sarebbe stato decretato oltre aprile e che si sarebbe potuto entrare in una "buona ondata" nel mese di maggio, che dipendeva però dagli ultimi dati.

Mentre l'uscita dallo stato d'emergenza è stata annunciata come un positivo passo avanti, il presidente ha anche detto che non esiterà a riportarla indietro se necessario.

Marcelo Rebelo de Sousa ha detto che, anche "senza lo stato di emergenza, come il governo e il primo ministro hanno chiarito nei loro interventi, è necessario mantenere o adottare tutte le misure considerate indispensabili per evitare contraccolpi".

"E aggiungo che, se necessario, non esiterò ad andare avanti con un nuovo stato di emergenza, se il passo attuale non soddisfa o non può soddisfare la risposta basata sulla fiducia essenziale per tutti noi".

Il presidente ha anche preso il tempo per ringraziare il popolo portoghese "per questo anno e due mesi di resistenza coraggiosa e, come ho detto, disciplinata", ma ha notato che "ogni apertura implica più responsabilità e i tempi a venire saranno ancora molto impegnativi".

Citando gli esperti, il presidente della Repubblica ha sottolineato che il Portogallo non è "libero da Covid, libero da virus" e che il popolo deve essere vigile.

"Il passo che ho fatto oggi si basa sulla fiducia, su una fiducia che deve essere osservata da ognuno di noi", ha detto.

"Credo nella vostra saggezza e solidarietà, in una lotta che appartiene a tutti, e in questa lotta dobbiamo poter contare su ognuno di noi", ha rinforzato.

Il 15 marzo è iniziato il processo di allentamento dell'isolamento, con la riapertura graduale degli stabilimenti educativi e commerciali, diviso in quattro fasi, che è continuato il 5 aprile e di nuovo il 19 aprile, anche se alcuni comuni con un tasso di incidenza più alto non sono passati alla fase successiva.

L'ultima fase del piano di allentamento del blocco da parte del governo è prevista per il 3 maggio.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.