Lo yoga è diventato sempre più popolare nella cultura occidentale, grazie ai suoi benefici (un equilibrio tra una vita stressante e uno stato d'animo tranquillo, per esempio) che hanno aumentato il numero di studenti anche durante la pandemia.

Johanna Hessling è un'insegnante di Yoga ad Alvor, in Algarve. Ha iniziato a praticare Yoga di tanto in tanto a vent'anni, ma è stata una sequenza di incidenti che l'hanno spinta a diventare una professionista dello Yoga.

"Nel 2012 ho avuto un incidente d'auto e mi sono fatta molto male alla schiena, così sono dovuta andare in fisioterapia. Sapevano che praticavo Yoga e mi hanno consigliato di iniziare a praticarlo più regolarmente perché avrebbe rafforzato la mia schiena", ha raccontato a The Portugal News.

Ora, in Algarve, insegna tre tipi di Yoga - Vinyasa, Yoga ristorativo e Yoga Nidra (meditazione) - ma con la pandemia di Covid-19 sta cercando di trovare modi alternativi per affrontare questa situazione, il che significa che non è in grado di insegnare in studio come faceva prima della pandemia.

Dal punto di vista degli studenti, le lezioni di yoga via zoom possono essere molto più facili per chi non ha molto tempo o ama partecipare a lezioni con un insegnante che non lavora vicino a loro. È anche un vantaggio per le persone timide che non amano stare in mezzo alla folla.

Godere della libertà ed essere creativi è fondamentale in questo periodo. Alcune persone preferiscono fare yoga sul pavimento o sul divano. Altri preferiscono uscire e farlo in giardino o addirittura in spiaggia.
"Lo sto facendo bene?".

Questa domanda può sorgere quando gli studenti non sanno se stanno eseguendo correttamente le pose. Quando si fa una lezione online "non è perfetta al 100%, perché è più facile quando posso vedere fisicamente il tuo corpo e so esattamente se devi aprire di più i fianchi", ha detto.

Tuttavia, lo studente stesso può aiutare a scoprire questi aspetti: "Devi essere a tuo agio come studente con il tuo corpo. Se qualcosa non va bene, probabilmente non va bene. Se sei una persona nuova allo yoga e hai dei dubbi, puoi sempre fermarti e angolare il tuo telefono o la tua macchina fotografica nella direzione in cui ti trovi, forse ci vorrà un po' più di tempo, ma ci arriverai. Se stai facendo un corso individuale, puoi sempre chiedere se lo stai facendo bene ed è più facile", ha detto.

Tutti facciamo degli errori, Johanna ne ricorda uno che ha ripetuto per molto tempo e di cui si è resa conto solo quando è andata alla scuola di yoga". Una cosa interessante è che stavo sbagliando una posizione molto naturale dello Yoga per tutti gli anni in cui l'avevo praticata, perché ho praticato Yoga per 15 anni e quando ho frequentato la scuola di Yoga ho imparato che la stavo facendo male. Succede, perché a volte quando si è in una classe con molte persone non si ha il tempo di vedere", ha condiviso.
Per questo motivo, consiglia: "L'atteggiamento migliore da avere è quello di andare con la mente aperta, ascoltare, prestare la migliore attenzione possibile e cercare di godersi l'esperienza", ma riconosce anche che a volte sarebbe impossibile.

Non siamo obbligati a goderci tutte le esperienze che facciamo nello yoga: esistono diversi tipi di yoga e possono verificarsi esperienze diverse: "A volte, anche con l'insegnante, non ti piace la sua voce o non ti piace lo spazio o la musica, se c'è la musica. Ogni singola esperienza di yoga sarà diversa, anche se c'è la stessa lingua, anche se si indossa lo stesso abbigliamento, non sarà mai la stessa ogni giorno, l'esperienza è sempre unica", ha sottolineato.

Un'altra cosa importante da tenere in considerazione è non cercare mai di competere con gli altri nella stanza o con lo zoom: "Potrebbe esserci una persona di 100 anni che riesce a fare cose che tu non immagini nemmeno di fare. Non è giusto paragonarsi a qualcun altro. Io potrei essere in grado di fare una posa una volta e non farla mai più. Quindi non bisogna avere aspettative eccessive su ciò che si pensa di dover fare. Nello yoga non c'è spazio per questo. Se pensate che l'insegnante o la persona accanto a voi possa fare qualcosa che voi non potete fare, come potete prestare attenzione alla vostra pratica?", ha detto Johanna.

Johanna sta costruendo un sito web per diffondere la sua passione per lo yoga, ma per il momento ha un indirizzo e-mail jhessling@gmail.com attraverso il quale è felice di dare maggiori informazioni sul suo lavoro.