Rinviata la scadenza per i residenti nel Regno Unito per nominare un rappresentante fiscale

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Business, Economia, Regno Unito · 07-05-2021 11:33:00 · 0 Commmenti

La scadenza per i contribuenti residenti nel Regno Unito per nominare un rappresentante fiscale in Portogallo è stata posticipata di un anno, fino al 30 giugno 2022, dal governo, che prevede di implementare un sistema di notifica elettronica entro quella data.

In un'ordinanza del 30 aprile, l'assistente del segretario di Stato per gli affari fiscali, António Mendonça Mendes, ha revocato un'altra ordinanza firmata da lui stesso appena quattro mesi fa, che imponeva il termine fino al 30 giugno 2021.

La designazione di un rappresentante fiscale è obbligatoria per tutti i titolari di un Tax Identification Number (TIN) residenti in paesi al di fuori dell'Unione Europea (UE), cosa che avviene effettivamente nel Regno Unito da gennaio, dopo il periodo transitorio post-Brexit.

Oltre ai 400.000 residenti portoghesi stimati nel Regno Unito, compresi i minori, la Camera di Commercio portoghese nel Regno Unito stima che fino a 15.000 proprietari britannici di una seconda casa in Portogallo potrebbero essere interessati.

Tuttavia, anche con una multa fino a 7.500 euro, lo stesso Segretario di Stato ammette che "c'è ancora un gran numero di contribuenti che non hanno rispettato questo obbligo legale".

In questa nuova risoluzione, Mendonça Mendes determina che la nomina di un rappresentante fiscale può essere fatta "senza alcuna penalità" fino al 30 giugno 2022 e che coloro che non l'hanno ancora fatto possono mantenere il loro attuale indirizzo fino al nuovo termine.

Questa tolleranza non si applica alle nuove registrazioni o all'inizio dell'attività in Portogallo da parte dei residenti all'estero, che continuano a dover nominare un rappresentante fiscale, considerato il punto di contatto tra l'amministrazione fiscale e il contribuente.

L'ordinanza pubblicata la settimana scorsa stabilisce anche che il progetto di digitalizzazione delle notifiche dell'Autorità Fiscale e Doganale (AT), noto come sistema di notifica elettronica, dovrebbe essere concluso "nel corso dell'anno 2022".

A quel tempo, dice, "il sistema, funzionante solo elettronicamente, permetterà ai contribuenti con TIN portoghese che risiedono all'estero di essere esentati dall'obbligo di designare un rappresentante fiscale".

Questo sistema funzionerà insieme alla Morada Única Digital, che avviene dal 2019 per i restanti contribuenti portoghesi residenti nel territorio nazionale.

La misura soddisfa le preoccupazioni della comunità portoghese nel Regno Unito e gli appelli di PS e PSD, che hanno allertato il governo sul problema, cioè il fatto che la scadenza è breve e c'è una mancanza di informazioni.

Tuttavia, potrebbe essere arrivato tardi per molte persone che nel frattempo si sono rivolte ad avvocati e altri professionisti per rilasciare le necessarie procure e assumere il servizio di rappresentanza fiscale, il cui costo annuale può arrivare fino a 750 euro.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.