Incendiario condannato a sei anni di prigione

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Crimine, Nord · 08-05-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

Un uomo che ha appiccato quattro incendi boschivi nei comuni di Valongo e Paredes tra maggio e agosto 2020 è stato condannato a sei anni di prigione.

L'imputato, un elettricista di 29 anni, è stato accusato nel tribunale di São João Novo, a Porto, di aver appiccato i 62 incendi nel distretto di Porto.

Il tribunale ha dimostrato che era responsabile solo di quattro, ma in un'udienza per la produzione di prove, l'imputato aveva confermato di averne appiccati solo tre.

Il rimanente è quello che ha ucciso 75 cani e gatti in una zona montagnosa di Santo Tirso.

Il tribunale esclude anche questo incendio dalla lista di quelli sparati dall'imputato.

Lo stesso giorno dell'incendio scoppiato a Valongo -che ha colpito rifugi illegali per animali nella catena montuosa di Agrela a Santo Tirso- sono scoppiati altri sei incendi.

Il presidente collettivo dei giudici ha spiegato che "il tribunale non è qui per scegliere gli incendi".

Il magistrato ha anche ricordato che il caso della Serra da Agrela è oggetto di un processo autonomo che si svolge nel tribunale di Santo Tirso.

Questo tema è direttamente legato al maltrattamento degli animali.

L'uomo, che è stato ordinato da un giudice d'inchiesta penale di essere arrestato preventivamente, è stato arrestato dalla polizia giudiziaria il 5 agosto 2020, dopo aver appiccato un incendio vicino al kartódromo de Baltar, nel comune di Paredes, come ha rivelato poi la polizia giudiziaria.

L'accusa ha comunicato che l'individuo "era consapevole dei rischi, ma questo non gli ha impedito di continuare un'attività ripetuta, deliberata e prolungata nel tempo, che può essere spiegata solo con un atteggiamento di soddisfazione per i danni e i pericoli causati".

Il presidente del collegio dei giudici di São João Novo ha dichiarato oggi che l'imputato ha "grande propensione per la commissione di questi crimini, ma è imputabile", con il 37% degli incendi in Portogallo sono responsabilità di persone imputabili, cioè penalmente responsabili dei loro atti.

L'imputato ha ricevuto una pena complessiva di sei anni di prigione - che corrisponde a pene rateali di quattro anni di prigione, un anno e mezzo, due anni e 10 mesi, e altri due anni e 10 mesi - per gli incendi sparati a Valongo e Paredes il 12 luglio 2020, il 29 dello stesso mese, il 4 e 5 agosto del mese.

Tutti gli incendi hanno bruciato complessivamente 1,5 ettari.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.