Circa 1.300 infermiere hanno lasciato il paese durante la pandemia

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente · 09-05-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

L'Unione indipendente di tutti gli infermieri uniti (SITEU) ha evidenziato la mancanza di apprezzamento degli infermieri da parte del governo, che ha portato a circa 1.300 professionisti a lasciare il paese durante la pandemia di covid-19.

La denuncia viene fatta in una lettera aperta di questo sindacato, creato all'inizio del 2020, indirizzata al presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

"In questo momento, ci sono più di 1.800 infermieri con contratti a tempo determinato per affrontare la pandemia di covid-19 che non hanno visto, o vedranno, i loro contratti rinnovati. Questa mancanza di riconoscimento e apprezzamento del nostro lavoro favorisce l'esodo, e nel mezzo della pandemia, circa 1.300 infermieri sono emigrati", ha sottolineato SITEU.

Secondo il sindacato, questi professionisti in situazione precaria assicurano le necessità quotidiane del Servizio Sanitario Nazionale (SNS), che ha un rapporto di infermieri inferiore alla media dei paesi dell'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico)

"In Portogallo, il rapporto infermieri/abitanti nel SNS è di 6,9 / 1.000 abitanti, rispetto ai paesi OCSE, che è di 9,3 / 1.000", ha avanzato SITEU nella lettera aperta, che intendeva esprimere la "profonda preoccupazione, indignazione e insoddisfazione per le politiche portoghesi per il SSN".

Il sindacato ha anche avvertito che c'è un "brutale disinvestimento da parte del governo portoghese nelle istituzioni sanitarie pubbliche", indicando gli esempi della mancanza di manutenzione degli edifici, il mancato rinnovo delle attrezzature per la cura dei pazienti e le politiche del lavoro.

"Abbiamo visto, negli ultimi 15 anni, un aumento brutale delle istituzioni sanitarie private che sopravvivono a spese del finanziamento pubblico. La salute è diventata un affare di milioni che arricchisce questo tessuto imprenditoriale e, di conseguenza, i gruppi economici privati", ha detto SITEU.

Per quanto riguarda i salari, la struttura sindacale ha considerato che, nonostante la negoziazione di un aumento previsto nel bilancio statale del 2018, nel maggio 2021 la "maggior parte delle istituzioni SNS non ha comunicato i punti singolarmente a ogni professionista e non ha proceduto all'aggiornamento salariale di più del 50% circa degli infermieri".

Questo significa che, secondo il sindacato, gli infermieri con 22 anni di carriera si trovano nella prima posizione remunerativa a parità di condizioni con un collega appena laureato.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.