Una nebbiosa storia paleolitica del Portogallo

in Curiosità · 10-05-2021 11:56:00 · 0 Commmenti

Roberto Knight Cavaleiro

Capitolo 1. Gli anni dal 400K al 5K BCE

I migranti della specie homo heidelbergensis entrarono per la prima volta in Europa occidentale circa 400.000 anni fa e alcuni saggiamente scelsero di trasferirsi in una terra di abbondanza oggi conosciuta come la regione di Tomar nel Portogallo centrale. Lì trovarono una proprietà libera sotto forma del complesso di grotte Aroeira attraverso il quale scorreva il torrente Almonda per fornire acqua fresca e servizi igienici, mentre le vicinanze erano ben boscose con abbondante carburante e cibo.Quando questo labirinto di passaggi e caverne è stato scavato nel 2002 sono state trovate molte prove della precedente occupazione sotto forma di strumenti di pietra, detriti e ossa di animali rotti, ma non è stato fino al 2017 che un cranio completo è stato scoperto consentendo una composizione accurata delle caratteristiche facciali come una fronte bassa, mascella sporgente e occhi profondi

Non si sa come questi ominoidi siano sopravvissuti e si siano evoluti per così tanti anni, ma quello che è certo è che i Neanderthal erano presenti in un'altra caverna vicina quando i primi esseri umani moderni migrarono dall'Africa circa 40.000 anni fa e decisero che questa caverna, conosciuta come Lapa do Picareiro, sarebbe stata una nuova casa ideale. Dalle prove scoperte durante gli scavi archeologici dal 1994 al 2018 si suppone che i Neanderthal e l'Homo Sapiens prima entrarono in conflitto e poi vissero abbastanza armoniosamente per 3.000 anni fino alla coabitazione.Ma ciò che sembra più probabile è che l'occupazione abbia fluttuato tra i due gruppi fino a quando alla fine l'homo sapiens ha dominato e i Neanderthal si sono spostati altrove per poi estinguersi; prima che questo accadesse si sono verificati degli incroci, così che le caratteristiche genetiche sono state portate avanti fino agli umani di oggi.La prova di ciò è stata trovata nel 1998 dagli archeologi che lavoravano nel canyon calcareo di Lapido, situato a circa 15 km da Leiria, dove è stato trovato un riparo roccioso chiamato Lagar Velho, utilizzato come camera di sepoltura. Tra i resti è stato trovato lo scheletro quasi intatto di un bambino Cro-Magnon di cinque anni, il cui cranio mostrava caratteristiche di entrambe le razze e poteva essere datato a circa 24.000 anni fa.

Sembra essere un'ipotesi accettata che l'homo sapiens si espanse considerevolmente in numero dopo il primo arrivo e formò vari insediamenti tribali lungo la costa atlantica e seguendo i corsi dei fiumi che sorgevano dal nord-est dell'Iberia. Allo stesso tempo sacche di Neanderthal probabilmente sopravvissero nelle località meno popolose.

Il sorprendente insieme esterno di cinquemila disegni di arte rupestre paleolitica nella valle del fiume Coa nel nord-est del Portogallo testimonia la vita economica, sociale e spirituale delle tribù che hanno occupato questo territorio per più di tre millenni.La loro creazione iniziò probabilmente intorno al 20.000 a.C. e i soggetti sono prevalentemente animalisti con cavalli, cervi, bisonti e alcune creature come il rinoceronte lanoso ormai estinto. Questa prima manifestazione della creazione simbolica umana riflette una cultura che si stava allontanando da un'esistenza nomade di cacciatori/raccoglitori verso l'istituzione di comunità con dimore permanenti dove furono fatti i primi tentativi di addomesticamento degli animali e dell'agricoltura.

Se il complesso di Coa merita il riconoscimento dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità, allora bisogna includere anche i sorprendenti esempi di costruzione di megaliti, sotto forma di dolmen e menhir, che sono distribuiti da nord a sud lungo la costa atlantica ma con esempi particolarmente belli presenti nell'Alentejo centrale e nell'Algarve occidentale.I dati attuali indicano che le singole pietre in piedi (menhir) sono tra le più antiche del Paleolitico dell'Europa occidentale, ma le tombe a camera e altre strutture coperte (dolmen) sembrano essere di costruzione più recente. Gran parte di questo lavoro monumentale si trova in luoghi isolati dalla vita urbana in modo che l'ingegneria ovviamente intelligente che ha permesso la loro costruzione può essere pienamente osservata; ma alcuni sono stati purtroppo distrutti per l'uso come cave e la diffusione di graffiti.Anche se i soliti detriti di ossa, ceramiche rotte e strumenti di selce/teste di freccia possono essere trovati nelle loro vicinanze, c'è molto poco dettaglio antropomorfico per indicare gli attributi fisici e la struttura sociale delle varie tribù.

Ecco perché le recenti scoperte nel sito Alentenjo di Perdigões sono così interessanti. Qui un'indagine aerea ha rivelato quindici fosse circolari il cui scavo ha prodotto una massa di ceramiche rotte, schegge di pietra e, sorprendentemente, incisioni in avorio che includevano venti rappresentazioni di esseri umani o delle loro divinità.Il dettaglio è sorprendente: corpi snelli e accuratamente profilati, fronti alte, nasi dritti, tatuaggi facciali e grandi orbite arrotondate che probabilmente contenevano pietre semipreziose.Il paragone con le rappresentazioni fantascientifiche degli alieni non può essere evitato! Ma più notevole è che l'avorio è stato attribuito all'elefante africano, il che indica che le bestie o solo le loro zanne sono state importate attraverso rotte commerciali stabilite, confermando così l'istituzione del commercio.

Un'altra luce sulla natura dei nostri antenati neolitici è fatta dall'attuale mostra "Ìdolos - Olhares Milenares" al Museu Nacional de Arqueologia di Lisbona dove frammenti di pietra e strumenti di ferro trovati nei tumuli iberici sono stati prestati da quindici entità spagnole.

Uno studio dello sviluppo sociale nell'Iberia sud-occidentale durante gli anni 5K a 0 BCE seguirà nel capitolo 2.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.